Clima

Europa, inverno da record: è il più caldo mai registrato nella storia

Condividi

Secondo i dati di Copernicus quest’inverno è stato il più caldo mai registrato in Europa, con le temperature che hanno superato di 3.4°C le medie stagionali.

Quest’inverno è stato di gran lunga il più caldo mai registrato in Europa: secondo il Copernicus Climate Change Service C3S, il sistema dell’Unione Europea in cui sono raccolti i dati sulle temperature fin dal 1955,  le temperature nei mesi di dicembre, gennaio e febbraio sono state in media 1.4°C più elevate rispetto all’inverno del 2015-2016, fino a questo momento l’inverno più caldo in Europa.

Clima, l’aumento delle temperature metterà a rischio la produzione di vini

Solitamente i record delle temperature vengono superati solo di qualche decimo ma quest’inverno in Europa è stato di 3.4°C più caldo rispetto al periodo 1981-2010. A Helsinki la temperatura media in questi sei mesi è stata di 6°C più alta rispetto al periodo 1981-2010 mentre le recenti alluvioni che hanno colpito il Regno Unito sono state alimentate dalle condizioni climatiche. “Nonostante questo inverno sia stato veramente mite, è probabile che questo tipo di eventi siano stati resi più estremi dal riscaldamento globale” ha affermato Carlo Buontempo, direttore di C3S “Vedere inverni così caldi è sconcertante ma non possiamo ancora definirlo un trend costante. Le temperature stagionali, in particolare al di fuori dei tropici, variano di anno in anno”.

Antartide, superati i 20 gradi. L’allarme dei ricercatori: “Mai visto nulla di simile”

Nonostante ciò gli scienziati si aspettano che il riscaldamento globale possa portare a temperature estreme in tutto il mondo e i segnali di questo evento si stanno già verificando: l’Australia ad esempio ha appena registrato la seconda estate più calda della storia, con temperature leggermente al di sotto dell’estate dello scorso anno, mentre in Antartide le temperature hanno superato per la prima volta i 20°C, quasi un grado in più rispetto al record di temperature nel 1982.

 

 

Clima, aumento delle temperature, futuro senza neve: addio alla stagione sciistica

Il 2019 in generale è stato il secondo anno più caldo della storia dopo il 2016 e sia l’ultimo lustro che l’ultimo decennio sono stati i più caldi degli ultimi 150 anni. Anche le temperature oceaniche hanno raggiunto superato ogni record, mostrando gli effetti inequivocabili del riscaldamento del nostro pianeta.

(Visited 68 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago