Attualità

Euro2020, paracadutista Greenpeace atterra sul campo di Francia-Germania

Condividi

Un fuori programma ha movimentato l’inizio della partita Francia-Germania. Un paracadutista, attivista di Greenpeace, è atterrato sul terreno di gioco dell’Allianza Arena di Monaco tra lo stupore generale.

L’uomo ha sorvolato l’arena con la scritta ‘Kick out Oil’ (buttate fuori il petrolio) sul paracadute, prima di essere sbilanciato da un cavo che trasportava la ‘spider cam’.

Per l’attivista infatti, è stato complicato riprendere il controllo della traiettoria, prima di sfiorare una tribuna  ed atterrare in modo errato sul terreno di gioco.

Cina, allarme per una perdita in una centrale nucleare: gli Usa valutano l’allerta dalla Francia

L’attivista, illeso, è stato portato via dai medici e poi arrestato, mentre sono rimaste ferite due persone in modo leggero dall’elica che l’uomo aveva montato sulla schiena.

Dalla plastica riciclata un ecocarburante per gli aerei. Lo studio

La scena non è stata inquadrata dalle telecamere e questo ha sollevato la protesta sui social.

In un comunicato, l’Uefa ha parlato di “diversi feriti trasportati in ospedale”, mentre Greenpeace sui social ha spiegato che “l’azione non ha mai avuto l’intenzione di disturbare il gioco o di ferire qualcuno, ce ne rammarichiamo”.

(Visited 63 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago