AttualitàInquinamento

Euro2020, l’edizione più inquinante di sempre. Emesse 450 mila tonnellate di CO2

Condividi

Sapete quant’è costato Euro2020 in termini di CO2? Secondo le stime degli analisti di Ener2Crowd.com, ben 450 mila tonnellate di CO2 emesse. Ma se la vittoria degli azzurri ha portato all’Italia il titolo di Campioni d’Europa, l’ambiente da questi Europei ne è uscito sconfitto.

Si è trattato infatti, dell’edizione più inquinante degli Europei di calcio.

La colpa? I continui spostamenti di giocatori e tifosi. Innumerevoli i viaggi in aereo, auto, bus – con un rilascio in atmosfera di anidride carbonica enorme.

Mentre per gli esperti della South Pole Carbon Asset Management, per compensare le emissioni di CO2 degli Europei di Calcio sarebbe sufficiente piantare 600 mila alberi (50 mila in ogni Paese coinvolto dall’evento), per gli analisti di Ener2Crowd.com si tratta di un dato errato che corrisponde ad appena un 4% dell’obiettivo reale che si vorrebbe raggiungere.

Inquinamento, BMW e Volkswagen hanno nascosto tecnologie per ridurre le emissioni: multa da un miliardo di euro

“Per compensare le 450 mila tonnellate di CO2 da loro stessi calcolati, quei 600 mila alberi ci impiegherebbero 23 anni sottolinea Giorgio Mottironi, cso e co-fondatore di Ener2Crowd nonché chief analyst del GreenVestingForum.it – i 600 mila alberi rappresentano solo un tentativo di greenwashing che si inserisce su quella pericolosa e tendenziosa strada di voler scaricare in modo improprio le responsabilità di comportamenti antropici che oggi andrebbero assolutamente evitati”.

Per Mottironi, “quello che si è fatto è stato spostare istantaneamente della CO2 dalla geosfera all’atmosfera, sostenendo che gli effetti che ne conseguono si possano ritenere compensati da un successivo travaso verso la biosfera che durerà 23 anni”.

Flixbus, arrivano gli autobus a biogas: “Emissioni di CO2 ridotte del 75%”

“Un rischio enorme – evidenzia –perché si affida ancora una volta la responsabilità di un atto compiuto nel presente, e le cui conseguenze a medio e lungo termine sono chiare agli occhi di tutti,  ad un futuro ipotetico ed alle difficoltà che in quel futuro dovranno affrontare le generazioni a venire”.

Se ogni albero è in grado di assorbire 30kgCO2/anno, la quantità reale di fusti che si dovrebbero realisticamente piantare per compensare subito le ‘emissioni Uefa’ è di 13,5 milioni di alberi, con un costo di almeno 65 milioni di euro

L’Italia – dichiara Niccolò Sovico, ceo, ideatore e co-fondatore di Ener2Crowd.com – ha dimostrato di poter essere guida dell’Europa calcistica ed altrettanto dovrebbe fare nel campo della transizione energetica e sostenibile. Lo può fare perché ne ha le conoscenze, le competenze e le tecnologie esecutive”.

(Visited 16 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago