Animali

Etna, le immagini spettacolari della lava che scoglie la neve

Condividi

La foto scattata dalla spazio dall’Agenzia Spaziale Europea mostra la spettacolare colata lavica dell’Etna che scende a valle in mezzo a un manto di bianca neve.

Due colate di lava rossa fiammante in mezzo a un mare di bianca neve. Queste sono le immagini spettacolari riprese dal satellite Sentinel-2 dell’Esa, l’Agenzia Spaziale Europea, durante l’eruzione dell’Etna di questi giorni.

 


La foto è stata scattata la mattina del 18 febbraio, dopo la seconda eruzione del vulcano, visibile a occhio nudo fino a Catania, lanciando la lava fino a 700 metri di quota e riempiendo la città siciliana e altri Comuni alle pendici del vulcano di un tappeto nero di cenere e lapilli. Le colate laviche, rilevano gli esperti dell’Esa, si sono spinte lungo i fianchi meridionali dell’Etna per più di un chilometro, fino a depositarsi in un bacino naturale di lava, la Valle del Bove.

Etna, le immagini spettacolari della doppia eruzione nella notte VIDEO

 


Come spiegato sulla pagina web dell’ESA, i dati satellitari possono essere utilizzati per rilevare i lievi segni di cambiamento che potrebbero prevedere un’eruzione. Una volta iniziata un’eruzione, strumenti ottici e radar possono catturare i vari fenomeni ad essa associati, tra cui colate laviche, smottamenti, fessure del terreno e terremoti. I sensori atmosferici sui satelliti possono anche identificare i gas e gli aerosol rilasciati dall’eruzione, nonché quantificare il loro più ampio impatto ambientale.

 

Dal satellite scoperte dune di sabbia alte fino a 30 metri. Dove? Nell’Artico!

 

 

(Visited 27 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago