Attualità

ETICHETTA, QUAL E’ L’IMPATTO AMBIENTALE DEI PRODOTTI ALIMENTARI?

Condividi

Etichetta. Arriva l’etichetta che indica l’impatto climatico dei prodotti alimentari. La Danimarca sta progettando di obbligare i produttori di alimentari e i supermercati a comunicare quanto costa ogni singolo alimento al nostro ambiente.

I prodotti alimentari verrebbero contrassegnati con adesivi che mostrano il loro impatto ambientale, secondo una proposta contenuta in un nuovo pacchetto sul clima del governo danese. La proposta è sostenuta dagli imprenditori riuniti nel Consiglio danese dell’agricoltura e degli alimenti (Dafc), secondo il quale la questione non è semplice: “Potrebbe essere necessario valutare l’impatto ambientale rispetto al valore nutrizionale del prodotto. Una bottiglia di soda può avere un basso impatto ambientale, ma non è un prodotto con cui puoi vivere”.

In una dichiarazione alla CNN, il direttore del DAFC, Morten Høyer, ha evidenziato anche un’altra difficoltà, se si vuole “sviluppare un’etichetta accurata. Dobbiamo includere ogni informazione in modo che prodotti come i sostituti vegetali della carne macinata, abbiano informazioni sull’impatto climatico della soia nel prodotto che viene prodotto in Sud America. Cose come queste sono difficili da calcolare, quindi abbiamo davanti a noi una bella sfida, prima di poter dire con certezza che abbiamo la soluzione giusta per un’etichetta climatica. Tutti sanno che la produzione di cibo influenza il clima, ma se il resto del mondo producesse il cibo come facciamo noi in Danimarca, il mondo sarebbe un posto migliore” .

Il cibo biologico è entrato permanentemente nella maggior parte delle cucine danesi grazie anche agli sforzi che il governo di Copenaghen ha fatto per convertire l’agricoltura nazionale in biologica. C’è poi da aggiungere che è stata portata avanti anche una dura lotta contro lo spreco di cibo, il quale in soli 5 anni è stato tagliato del 25% . Il cibo infatti influisce sull’ambiente in diversi modi: dall’energia e le risorse necessarie per produrlo (acqua, fertilizzanti, pesticidi) al carburante utilizzato per il suo trasporto.

 

(Visited 82 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago