Attualità

Estate 2020, cosa cercano on line gli italiani? casa, piscina e wifi al top

Condividi

Estate 2020. Come sarà l’estate degli italiani? Secondo i dati Airbnb, la piattaforma globale di viaggi, l’estate 2020 si trascorrerà in casa o in villa con tutta la famiglia. L’82% degli italiani trascorrerà le ferie in Italia, contro il 55% dell’anno scorso.

Tra le destinazioni più cercate, Sicilia, Sardegna, Puglia, Trentino Alto-AdigeCosta Etrusca (in Toscana e Lazio).

Viste le norme anti contagio da Covid-19 che impongono il distanziamento sociale, tra le ricerche degli italiani ci sono soprattutto le case “indipendenti” (62% contro il 7% degli appartamenti, con un +21% sullo stesso perido nel 2019), che diventa essa stessa la vera destinazione del viaggio.

Insomma, un’estate diversa sia per la durata sia per la scelta della meta.

Il cicloturismo potrà essere protagonista della prossima stagione estiva

Con lo stop temporaneo dei week-end mordi e fuggi e dei tour a tappe, il 66% delle ricerche riguarda soggiorni di durata superiore a una settimana (lo scorso anno era il 32%) mentre calano vistosamente i week end (-70%).

Complice la scarsa disponibilità di ferie disponibili (utilizzate durante il lockdown), gli italiani cercheranno di proseguire a lavorare in smartworking e per questo, tra le caratteristiche principali delle loro ‘casa per le vacanze’ c’è la piscina ed il wifi.

Turismo, un settore in ginocchio con tempi di ripresa più lunghi di altri

Uno per lavorare a distanza, l’altra (che per la prima volta sale in cima alle richieste) per intrattenere nel frattempo i bambini e forse anche come ancora nel caso di improvvise nuove restrizioni alla circolazione o all’accesso alle spiagge.

Seguono la possibilità di portare il proprio animale domestico (almeno 1 famiglia su 3 con ricerche quadruplicate), cucina accessoriata, jacuzzi e aria condizionata.

 

 

 

 

Photo by Nils Schirmer on Unsplash

(Visited 49 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago