AttualitàGood News

Erosione costiera, rinasce la spiaggia di Vada. Quasi 2 milioni di euro di investimenti

Condividi

Torna a vivere la spiaggia di Vada, a Livorno, cancellata dall’erosione costiera che l’aveva resa inagibile. Grazie alla collocazione di massi naturali per contrastare l’erosione ed il deposito di 17 mila metri cubi di sabbia, la spiaggia di Vada torna al suo splendore.

Si tratta di 1milione e 849 mila euro di investimenti finalizzati alla razionalizzazione del litorale di Vada compreso tra le foci del Fosso Vallecorsa e del Fosso Circolare e alla riqualificazione della spiaggia di Bonaposta – ha spiegato la Regione.

I lavori, che consistono nella collocazione di tre grandi pennelli di massi naturali trasversali che vanno a formare una scogliera che dalla costa ortogonalmente va verso il mare, sono curati dalla Regione Toscana e dal Genio Civile.

Pescara, in arrivo la prima eco-spiaggia accessibile a tutti: ecco come sarà

Con un intervento di rinascimento con 17.000 mc di sedimenti, che saranno protetti da tre pannelli composti da massi naturali, è stata fatta avanzare la linea di riva.

“Questo intervento conferma l’impegno della Regione nel contrastare il fenomeno dell’erosione costiera – ha spiegato l’assessore all’Ambiente e alla difesa del suolo, Monia Monninon soltanto con interventi di ripascimento stagionali, ma anche con soluzioni strutturali come questa, frutto di analisi e studi approfonditi del fenomeno erosivo.”

Riparte #CAMBIAGESTO, la campagna contro l’inquinamento da mozziconi

Infine, ad ottobre, con la conclusione della stagione balneare, è previsto il completamento delle attività di rinascimento con altre 32 mila metri cubi di sabbia autoctone che permetterà di migliorare la consistenza e la qualità del rinascimento.

“Siamo contenti – ha concluso Monni – di arrivare pronti per l’inizio della stagione turistica considerato quanto questo intervento fosse atteso dal territorio e dagli operatori turistici.”

(Visited 18 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago