AttualitàGood NewsScienza e Tecnologia

Eolico offshore, presentati al MiTe 40 diversi progetti

Condividi

L’eolico offshore è una tecnologia destinata a diffondersi sempre di più in Italia. Sono infatti ben 40 i nuovi progetti presentati al Ministero della Transizione ecologica.

L’eolico offshore, una tecnologia destinata a diffondersi sempre di più in Italia. Sono infatti ben 40 i nuovi progetti presentati al Ministero della Transizione ecologica, la maggior parte dei quali da installare al largo della Sicilia e della Sardegna (oltre 20). Oltre dieci progetti saranno installati nella costa Adriatica e i rimanenti tra Ionio e Tirreno.

 

Il Ministero della Transizione ecologica ha reso noto che “sta proseguendo il lavoro volto a favorire lo sviluppo di una nuova generazione di impianti offshore galleggianti, collocati al largo delle coste italiane. In particolare, si sta concludendo il primo giro di incontri bilaterali con le singole società e i gruppi di società proponenti“.

Eolico offshore, il Lazio pronto a partire da Civitavecchia. L’assessora Lombardi: “Tecnologia strategica per il futuro”

Le manifestazioni di interesse pervenute sono 64, di cui 55 da parte di imprese e associazioni, tre da parte di associazioni di tutela ambientale (Wwf, Greenpeace e Legambiente) e sette da altri soggetti (ANEV, Elettricità futura, CNA, CGIL, Università Politecnico di Torino, OWEMES – associazione di ricercatori, CIRSAM – Consorzio Internazionale per lo sviluppo e ricerca Adriatico e Mediterraneo).

(Visited 34 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago