“Energie. Ambiente. Sicurezza”, come affrontare le nuove sfide tecnologiche e digitali

Giovedì 25 Maggio dalle 9:45 alle 12:30 presso la Sala Auditorium della Federazione CONI, l’evento “Energie. Ambiente. Sicurezza.”

Servizio video di Manuela Murgia

Avere una panoramica integrata su temi come energia, ambiente e sicurezza ha un’importanza strategica per il benessere della generazione presenti e future.

Infatti, se da una parte abbiamo la consapevolezza della crisi climatica, come vera emergenza planetaria del XXI secolo, che necessita di particolare attenzione, impegno e risorse alla realizzazione di un’autentica riconversione ecologica integrale della società e dell’economia, dall’altra sono sempre più necessarie l’ottimizzazione, l’efficienza e il giusto mix energetico per far fronte ai costi per imprese, cittadini e famiglie nonché la definizione di regole, di norme, di contratti ed accordi, finalizzati a garantire la sicurezza sotto ogni punto di vista.

Promosso dall’Associazione Lex Et Ars con il supporto di To Be Srl e Assimpresa UK e con il patrocinio di Regione Lazio, del CONI, dell’Associazione Nazionale Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia, di Fondazione UniVerde,  dell’ANGI – Associazione Nazionale Giovani Innovatori, della Pontificia Università Antonianum, della Fondazione Ampioraggio, della Città Metropolitana di Roma, l’evento “Energia. Ambiente. Sicurezza.”, si pone come obiettivo quello di far comprendere l’importanza di adottare un approccio integrato per far fronte alle sfide tecnologiche e digitali che contraddistinguono la società di oggi e interessano tutti i settori.

Alfonso Pecoraro Scanio, presidente di Fondazione UniVerde, ha dichiarato a TeleAmbiente a margine dell’evento: “La sicurezza ambientale è fondamentale. Lo stiamo vedendo con il disastro in Emilia Romagna, che per altro è parte di un cambiamento climatico che purtroppo era stato annunciato da chi ascolta gli scienziati invece che delle parole a vanvera di pseudo opinionisti che danno informazioni sbagliate ai cittadini. Attraverso la connessione tra transizione ecologica e digitale dobbiamo mettere insieme la capacità di migliorare i sistemi di allerta per l’emergenza climatica, fare gli investimenti necessari per l’utilizzo delle risorse, come l’accumulo dell’acqua nei laghetti, perché abbiamo avuto le alluvioni ma rischiamo di avere la siccità tra pochi mesi.

“Energie. Ambiente. Sicurezza”, come affrontare le nuove sfide tecnologiche e digitali grazie ad un approccio integrato

In questo contesto, le infrastrutture abilitanti svolgono un ruolo decisivo per lo sviluppo del Paese e le tecnologie emergenti, come il LiFi, hanno il compito di traghettare verso una sovrapposizione di domini dove la luce è energia, è illuminazione, è innovazione scientifica. Allo stesso tempo, le innovazioni dei materiali utilizzati nell’industria delle costruzioni, responsabili del 39% delle emissioni di anidride carbonica disperse nell’ambiente, costituiscono una grande opportunità per la società.

Energie rinnovabili, materiali eco-sostenibili, infrastrutture sicure e veloci sono sistemi complessi la cui comprensione richiede di mettere in primo piano la relazione delle singole parti tra loro e con il tutto. Come si evince dall’Enciclica di Papa Francesco «Tutto è in relazione», «tutto è collegato», «tutto è connesso».

I saluti istituzionali saranno affidati a Sergio Meucci, Presidente Associazione Lex et Ars,  Paolo Pierantozzi, Segretario ANAOAI Sez. Castelli Romani, Alfonso Pecoraro Scanio, Presidente Fondazione UniVerde, Paolo Cancelli, Direttore dell’Ufficio Sviluppo della Pontificia Università Antonianum. Interverranno come relatori il Generale Umberto Rapetto, CEO HKAO, Maria Pia Palombi, Avvocato dell’Ordine degli avvocati di Tivoli, Gabriele Ferrieri, Presidente ANGI, Giovanni Ritirossi, Presidente Giovani UCID Lazio, Massimo De Maio, Consulente di comunicazione ambientale, professore universitario e uno dei fondatori del “Movimento per la Decrescita Felice”, Guido Fabbri, Socio di Fondazione Ampioraggio e General Manager di Geosmartcampus, Chiara Cavalieri, Presidente dell’Associazione Italo Egiziana “Eridanus” e  giovani imprenditori come Francesco Paolo Russo, CEO & Founder To Be Srl – Direttore Generale ANGI, Desirée Farletti, Co-Founder & COO RECO2, Mario Ceccarelli, Consulente SoliTek, i quali racconteranno le proprie esperienze e il lavoro che si sta facendo per creare un ecosistema solido e collaborativo in cui tradizione ed innovazione, vecchio e nuovo, esigenze e soluzioni sono in dialogo continuo.

In conclusione, la consegna dei premi Lex et Ars. La moderazione è affidata al giornalista e direttore di Askanews Gianni Todini