Il dispositivo è stato creato da un team canadese e sarà utilizzato soprattutto nell’abbigliamento hi-tech

La batteria del cellulare è completamente a terra e non ci sono prese elettriche in giro? Oggi bisogna affidarsi a dispositivi ingombranti come i power bank. In futuro basterà collegare il cellulare al maglione.

Un team di scienziati dell’Università canadese della British Columbia, infatti, ha inventato una batteria completamente flessibile e lavabile che sarà utilizzata soprattutto nell’industria dell’abbigliamento.

Il settore dell’elettronica indossabile sarà il trend del futuro: capi d’abbigliamento in grado di caricare i dispositivi elettronici, monitorare battito cardiaco, pressione arteriosa e stato di salute di chi li indossa e tante altre caratteristiche si stanno studiando soprattutto per le divise da lavoro.

Per integrare la tecnologia all’abbigliamento, però, servono delle fonti di energia adatte. Da qui il lavoro del tema canadese della British Columbia.

Inquinamento, un portale web offrirà previsioni sulla qualità dell’aria per ogni città

Batteria elastiche lavabili, come funzionano

“L’elettronica indossabile è un grande mercato e le batterie estensibili sono essenziali per il loro sviluppo”, afferma uno degli autori dell studio, Ngoc Tan Nguyen. “Tuttavia, fino ad oggi, non potevano essere lavate. Ma questa rappresenta una caratteristica fondamentale per resistere alle esigenze dell’uso quotidiano”. 

E dunque, per creare delle batterie flessibili e lavabili, il tema di ingegneri della British Columbia University hanno reso estensibili i composti chiave utilizzati per generare batterie. Nelle pile tradizionali, gli strati interni sono materiali duri racchiusi in un “guscio” rigido. Per renderle flessibili, gli scienziati hanno macinato in piccolissimi pezzi biossido di zinco e manganese per poi creare con i piccoli frammenti un polimero gommoso chiamato Poli (stirene-b-isobutilene-b-stirene). O più semplicemente SIBS.

La nuova pila creata dai canadesi, dunque, è composta da tanti strati ultrasottili di SIBS avvolti da un involucro dello stesso polimero in maniera da creare una chiusura ermetica e impermeabile. Ad oggi, i primi prototipi della batteria elastica devono essere sostituiti ogni 39 lavaggi. Ma in futuro, assicurano gli ingegneri, la vita della pila flessibile si allungherà.

Mobilità sostenibile, entro il 2023 i treni saranno a batteria. E potrebbero azzerare il loro impatto ambientale

Articolo precedenteQual è l’impatto ambientale dei Bitcoin? – Tg Ambiente
Articolo successivoCambiamenti climatici, gli eventi più devastanti del 2021