Scienza e Tecnologia

Energia, iniziata la costruzione in Spagna della più grande centrale ad idrogeno in Europa

Condividi

In Spagna è iniziata la costruzione di quella che sarà la più grande centrale ad idrogeno in Europa, per mano di Iberdrola.

L’azienda spagnola Iberdrola ha annunciato venerdì l’inizio della costruzione del più grande impianto di idrogeno verde per uso industriale in Europa.

In collaborazione con il produttore chimico Fertiberia, il progetto avrà sede a Puerollano, nella Spagna centrale, e consisterà in un impianto fotovoltaico da 100 megawatt e un sistema di produzione di idrogeno che utilizzerà l’elettrolisi per convertire l’energia rinnovabile in combustibile a idrogeno.

Il ruolo dell’idrogeno nella Transizione Energetica nazionale

L’idrogeno prodotto sarà utilizzato nella fabbrica di ammoniaca Fertiberia di Puertollano per aiutare a produrre fertilizzanti, ha detto la società.

L’investimento ammonterà a 150 milioni di euro.

L’impianto dovrebbe essere operativo entro il 2021 e consentirà di tagliare 39.000 tonnellate di emissioni di anidride carbonica all’anno.

Piano Colao, ambiente e infrastrutture tra i sei ambiti fondamentali per il rilancio del Paese

L’idrogeno è stato pubblicizzato come alternativa pulita ai combustibili fossili. Quando viene estratto dall’acqua con elettrolisi alimentata da energia rinnovabile, si chiama idrogeno “verde” ed è ancora costoso oggi a circa $ 6 / kg.

All’inizio di questo mese, l’UE ha lanciato una strategia per promuovere l’idrogeno verde nel tentativo di raggiungere emissioni nette pari a zero entro il 2050.

(Visited 55 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago