Arriva da ENEA e dal Politecnico di Torino un progetto per convertire il movimento delle onde in energia elettrica, un modo sostenibile per fornire elettricità alle piccole isole italiane non autosufficienti.

Si chiama Pendulum Wave Energy Converter (PEWEC) il progetto di ENEA e Politecnico di Torino che converte le onde marine in energia elettrica.

Il sistema, arrivato alla sua versione 2.0 consentirà di fornire energia sostenibile alle tantissime piccole isole italiane, che non possiedono una fonte di energia autosufficiente.

Batistoni (Enea) a TeleAmbiente: “Il nucleare da fusione produrrà energia pulita e totalmente sicura”

Gianmaria Sannino, responsabile del laboratorio ENEA di modellistica climatica e impatti, spiega che “Il PEWEC 2.0 presenta alcune migliorie tecnologiche rispetto alla versione precedente. Un prototipo in scala 1:25 è stato testato presso la Vasca Navale dell’Università Federico II di Napoli per studiare la risposta dello scafo e degli ormeggi a onde estreme”.

 


“Abbiamo esposto il dispositivo hi-tech a serie di onde particolarmente alte (in scala) sia regolari che irregolari, generate artificialmente all’interno del bacino di test, evidenziando un’ottima capacità di tenuta e di produzione elettrica del sistema anche in condizione estreme. Questo tipo di prove sono fondamentali per valutare le prestazioni e la resistenza dei convertitori anche in situazioni critiche di onde da tempesta”.

Mediterraneo, Enea presenta un modello climatico che simula dinamiche tra atmosfera e oceano

I ricercatori di ENEA e Politecnico di Torino sono convinti che “L’installazione del PEWEC può arrivare a soddisfare del tutto il fabbisogno energetico di isole medio-piccole che basano il proprio approvvigionamento di energia su impianti a combustibili fossili. Queste tecnologie sono implementabili non soltanto nella fornitura di energia elettrica per usi domestici o civili, ma anche industriali (ad esempio nell’acquacoltura).”

Energia, le batterie del futuro saranno elastiche e lavabili (e per l’abbigliamento hi-tech)

“L’energia elettrica negli impianti di acquacoltura è sempre maggiormente utilizzata per i fini di distribuzione del cibo, ricircolo dell’acqua/ossigenazione, illuminazione. Il costo dell’energia elettrica dovuto al solo gasolio per la produzione del pesce negli impianti di acquacoltura marina è valutato al 2018 nel range 0,4-0,6 €/kWh e corrispondente al 19% – 45% del valore di vendita all’ingrosso del pesce prodotto. L’impatto di un sistema come il PEWEC permette la produzione eco-compatibile di energia in loco in un’ottica di green fish farming”.

ENEA e Politecnico di Torino stanno adesso lavorando per installare il dispositivo lungo le coste del Mediterraneo con la maggiore presenza di onde, come la costa della Sardegna e il Canale di Sicilia.

 

 

Articolo precedenteGenerazione Bellezza, Casalini: “Darsi da fare per generare la bellezza di cui saremmo circondati”
Articolo successivoConcordia, il MiTe: “Dieci anni dopo, fondali del Giglio meglio delle attese”