Territorio

Energia, la Cina ridurrà entro il 2020 il 60% delle emissioni inquinanti

Condividi

Energia. La Cina si prepara a raggiungere l’obiettivo di una riduzione del 60 per cento delle emissioni inquinanti complessivamente generate dalle sue centrali elettriche entro il 2020.

Secondo uno studio pubblicato sulla rivista “Nature”, i livelli di emissione di anidride solforosa in Cina, sono diminuiti da 2,21 milioni di tonnellate nel 2014 a 0.77 milioni di tonnellate nel 2017: un calo del 65%.

La Cina ha fissato l’obiettivo per le emissioni del 2020 nel 2014, quando ha introdotto misure per rinnovare e potenziare le centrali elettriche a carbone esistenti.

I ricercatori hanno utilizzato i dati sulle concentrazioni di emissioni raccolti dalla rete di sistemi di monitoraggio delle emissioni continue della Cina, che copre fino al 98 per cento della capacità di potenza termoelettrica cinese.

Sostenibilità e Agenda 2030. Italia indietro su ambiente, povertà ed energia

Sulla base dell’analisi del team di ricercatori, tra il 2014 e il 2017 la Cina ha più che dimezzato le emissioni di anidride solforosa, ossido di azoto e particolato delle centrali elettriche.

Tre inquinanti che contribuiscono alla formazione di smog e che poi comporta problemi di salute.

La ricerca ha coinvolto le emissioni delle centrali termoelettriche che bruciano carbone, petrolio, gas naturale o biomassa per produrre energia, con particolare attenzione alle centrali elettriche a carbone, in quanto contribuiscono in modo determinante all’inquinamento atmosferico.

Anche i livelli di ossido di azoto e di particolato sono diminuiti, rispettivamente del 60 e 73 per cento, secondo lo studio.

“Questa è una notizia incoraggiante per la Cina e per gli altri paesi che desiderano ridurre le proprie emissioni energetiche” – ha affermato Mi Zhifu, economista dei cambiamenti climatici presso l’University College di Londra (Ucl), autore dello studio.

Energia, strategia Eni: zero emissioni nette dell’upstream e più foreste

“Le centrali termoelettriche che bruciano carbone, petrolio, gas naturale e biomassa sono uno dei principali fattori che contribuiscono all’inquinamento atmosferico globale – ha spiegato Mi – dato che il carbone è il combustibile più utilizzato in Cina, ridurre il numero di centrali termoelettriche in breve tempo sarebbe una sfida“.

Secondo l’esperto, “i risultati di questa ricerca sono incoraggianti nel dimostrare che il carbone può essere usato in modo molto più pulito per generare elettricità”,.

Lo studio è stato condotto da ricercatori Ucl e dell’Università di Cambridge nel Regno Unito, in collaborazione con cinque università in Cina, ed è stato supportato dall’Accademia cinese delle scienze e dal ministero dell’Ecologia e dell’ambiente. Mi ha spiegato che i risultati hanno dimostrato la fattibilità tecnica ed economica del controllo delle emissioni delle centrali elettriche, che ha descritto come “un passo importante verso la riduzione del numero di morti attribuibili all’inquinamento atmosferico”.

 

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago