Economia

Energia, la Banca Svizzera potrebbe tagliare 800 miliardi di investimenti sui fossili

Condividi

Secondo la Reuters la Swiss Bank potrebbe togliere dal bilancio 800 miliardi di investimenti sulle più grandi compagnie di carburanti fossili del mondo, anche se non è chiaro se verranno reinvestiti in altre aziende più ecosostenibili.

Alla Banca Centrale Svizzera potrebbe essere richiesto di eliminare dal suo bilancio gli 800 miliardi di dollari investiti nelle società di combustibili fossili, una mossa di una delle maggiori banche di riserva del mondo per affrontare i cambiamenti climatici.

Elezioni, i Verdi vogliono liberare il Regno Unito dai combustibili fossili entro il 2030

I legislatori svizzeri stanno preparando una campagna che renderebbe il targeting dei cambiamenti climatici uno degli obiettivi politici della Banca nazionale svizzera, insieme ai tradizionali obiettivi monetari di assicurare la stabilità dei prezzi e favorire la crescita economica.

La transizione inizierà questo mese con una mozione nella camera bassa del parlamento, hanno riferito alla Reuters due dei legislatori dietro la campagna. La spinta proviene dai socialdemocratici di centro sinistra (SP) e dai Verdi, che hanno raggiunto risultati record nelle elezioni di ottobre.

Elezioni, continua l’onda Green in Europa: boom dei Verdi in Svizzera

La banca al momento possiede quote azionarie di alcune delle più grandi major dei carburanti fossili, tra cui  Arch Coal, Exxon Mobil Corp e Chevron.

“Questa è un’emergenza climatica e dobbiamo agire al più presto”, ha detto Adele Goumaz Thorens, politico del Partito Verde svizzero. “La Banca nazionale ha investito così tanto denaro nei fossili che questo tipo di cambiamento potrebbe portare finalmente a una vera rivoluzione.”

Sandro Leuenberger del gruppo Climate Alliance Switzerland ha dichiarato: “La Banca nazionale è l’ottavo investitore istituzionale più grande al mondo e dà alla Svizzera un peso enorme a livello internazionale …. È la più grande leva che la Svizzera ha e dobbiamo usarla”.

 

I portavoce della Banca Nazionale Svizzera hanno rifiutato di commentare queste voci.

Le banche centrali sono sotto pressione per fare la loro parte nella lotta ai cambiamenti climatici.

Clima, Greenpeace contro il governo: “Ci state bruciando il futuro, basta combustibili fossili”

Il nuovo capo della Banca centrale europea ha descritto la lotta ai cambiamenti climatici come “mission critical”, sebbene il suo mandato ristretto per combattere l’inflazione limiti ciò che può fare. Il capo della Federal Reserve Jerome Powell ha affermato che combattere i cambiamenti climatici non è mai stato compito della banca centrale degli Stati Uniti.

La proposta svizzera deve superare entrambe le case del parlamento. Passare la camera alta che ha la maggioranza al centro-destra sarà anche difficile, hanno detto gli attivisti. L’SP fa parte del governo di coalizione a quattro partiti, cui i Verdi sperano di unirsi.

(Visited 20 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago