Si tratta dell’ultimo brevetto uscito fuori dal National Renewable Energy Laboratory di Golden, in Colorado, dove i ricercatori sono alla costante ricerca di tecnologie per la produzione di energia green

L’energia pulita del futuro verrà dal mare. Migliaia di scienziati in tutto il mondo stanno lavorando a idee innovative su come catturare l’energia degli oceani e dei mari per trasformarla in energia elettrica. L’ultima idea viene dagli Stati Uniti.

Si tratta di muri elastici brevettati dal National Renewable Energy Laboratory, dispositivi che, distorcendosi e piegandosi sotto la forza dell’acqua producono energia. La novità rispetto ai dispositivi tradizionali che trasformano l’energia del mare in energia elettrica, è che questi sono composti da numerosi, piccoli convertitori flessibili che insieme formano un’unica struttura. In questo modo, spiegano gli ingegneri, non concentrando l’energia delle onde su un singolo convertitore si evita di accumulare forze potenzialmente dannose per la macchina.

Si tratta dell’ultima idea in ordine di tempo sulla quale stanno lavorando gli scienziati del National Renewable Energy Laboratory di Golden, in Colorado. Un laboratorio specializzato nella ricerca sull’energia rinnovabile, da cui, promettono i ricercatori, usciranno fuori decine di tecnologie per creare energia pulita al 100% e così abbandonare una volta per tutte i combustibili fossili. 

Articolo precedenteSvizzera, domenica 25 settembre si voterà il referendum per chiudere gli allevamenti intensivi
Articolo successivoRoma andrà a idrogeno: verso la prima Hydrogen Valley d’Italia che trasformerà rifiuti in energia