In questo numero del Tg Ambiente, realizzato in collaborazione con Italpress: 1) Emissioni, marcia indietro sullo stop di auto a benzina e diesel; 2) A2A, alleanza pubblico-privato per la sostenibilità; 3) A Pesaro un nuovo murales ecologico contro le discriminazioni; 4) Gillbert, un pesce robot capace di aspirare le microplastiche

 

In questo numero del Tg Ambiente, realizzato in collaborazione con Italpress:

1) Emissioni, marcia indietro sullo stop di auto a benzina e diesel: Dietrofront dell’Unione Europea sullo stop delle auto a benzina e diesel dal 2026. Prossimamente la Commissione Europea presenterà la nuova normativa Euro7 sulle vetture immatricolate a partire dal 2026. Ma le nuove regole saranno meno ambiziose di quelle attese. La presidente von der Leyen ha intenzione di alleggerire il giro di vite, allineando i requisiti dell’Euro 7 a quelli dell’Euro 6. Resta invece confermata la data del 2035 per lo stop alla vendita. Il passo indietro è dovuto alle conseguenze della guerra in Ucraina: inflazione e caro energia stanno creando grossi problemi all’industria automobilistica, con i consumatori che riescono ad accedere sempre meno al mercato delle auto. In questo modo, almeno 100 milioni di auto omologate agli standard Euro 6 potranno essere messe su strada ancora nei prossimi anni, rimanendo così in circolazione per circa un ventennio a partire da oggi. Una scelta che ha subito provocato la reazione degli ambientalisti che accusano la Commissione Ue di dare la priorità ai produttori di auto anziché alla salute dei cittadini.

Mobilità sostenibile, in Italia poche auto elettriche. Lo studio: “Colpa del fisco”. Il video

2) A2A, alleanza pubblico-privato per la sostenibilità: Oltre 1 miliardo di euro il valore economico distribuito nella città metropolitana di Milano, 313 milioni di euro investiti in Infrastrutture e Impianti; 763 assunzioni nelle sedi milanesi (il 43% under 30). Sono alcune delle cifre contenute nella sesta edizione del Bilancio di Sostenibilità territoriale di A2A.

Nasce a Pisa la prima cattedra in comunità energetiche rinnovabili

3) A Pesaro un nuovo murales ecologico contro le discriminazioni: Mani diverse tra loro che si intrecciano per darsi sostegno l’un l’altra, simbolo di unità contro ogni forma di intolleranza e discriminazione. È stato inaugurato a Pesaro, il ‘Filo di Arianna’, il murale promosso da JTI Italia e Save the Planet, realizzato in collaborazione con Arcigay.

Per gli italiani la crisi climatica è una priorità ma non vogliono fare la loro parte

4) Gillbert, un pesce robot capace di aspirare le microplastiche: Un prototipo stampato in 3D, simile a un salmone cibernetico con branchie specializzate nell’aspirazione delle microplastiche presenti negli habitat acquatici. Il suo nome è Gillbert ed è pesce robot capace di aspirare le microplastiche dai corsi d’acqua per campionarle e riciclarle. A progettarlo è stata la studentessa Eleanor Mackintosh dopo avere partecipato a un concorso pubblico dell’Università del Surrey in Inghilterra. Gillbert è un progetto open source, cioè non protetto da copyright, è migliorabile da tutti i creativi del mondo. Proprio per questo coloro che hanno una stampante 3D possono scaricare i piani per realizzarlo anche a casa. Il prossimo passo sarà rendere Gillbert più veloce, potenziando la coda e ottimizzando le pinne. E poi il vero, grande passo: trasformare il pesce robot in un dispositivo telecomandato, o addirittura autonomo, magari di dimensioni più grandi.

Articolo precedenteEcco le 10 città europee più colpite dai cambiamenti climatici. Ci sono due italiane
Articolo successivoMemo Remigi, “Striscia” gli consegna Tapiro avvolto da polpo. Il video