Breaking News

Emergenza climatica, dal 2010 ad oggi 563 gli eventi estremi registrati in Italia

Condividi

Alluvioni, siccità, ondate di calore, ovvero quelli che gli esperti chiamano eventi estremi, si stanno intensificando in diverse parti del mondo e in modo irregolare. Secondo il V Rapporto dell’IPCC l’influenza dell’uomo sui cambiamenti climatici è indiscutibile.


E il clima non sta cambiando: è già cambiato, come si legge nel rapporto 2019 dell’Osservatorio di Legambiente.

Clima, ecco il report sui rischi per l’umanità a causa del riscaldamento globale VIDEO

A dimostrarlo con chiarezza ci sono le inondazioni a Venezia, Matera e gli eventi meteorologici estremi che si sono abbattuti su molti territori e che colpiscono la penisola con sempre maggiore frequenza.

Venezia in piena emergenza climatica. Ma c’è sempre tempo per un selfie

Ma a parlare sono anche i numeri: dal 2010 ad oggi  sono stati 563 gli eventi climatici estremi registrati solamente in Italia, con 350 comuni in cui sono avvenuti impatti rilevanti. Solo nel 2018 il nostro paese è stato colpito da 148 eventi estremi, che hanno causato 32 vittime e oltre 4.500 sfollati, un bilancio di molto superiore alla media calcolata negli ultimi cinque anni.

Roma, Milano, Genova, Napoli, Palermo, Catania, Bari, Reggio Calabria e Torino sono le città che hanno pagato maggiormente le conseguenze legate agli eventi estremi.

Emergenza Climatica, Roma è la città a più alto rischio inondazione d’Europa

“E’ necessaria una forte accelerazione delle politiche di mitigazione del clima, per invertire la curva delle emissioni di gas serra come previsto dall’Accordo di Parigi. – dichiara il vice presidente di Legambiente Edoardo Zanchini –  Ma bisogna preparare i territori, le aree agricole e le città a impatti senza precedenti. Il problema è che il nostro Paese non è pronto e non ha ancora deciso di rendere questi interventi prioritari, fornendo strumenti e risorse alle città italiane”.

Costa: “Non basta il Mose per salvare Venezia, il cambiamento climatico è sotto i nostri occhi”

Il cambiamento climatico non è un problema futuro, sta accadendo proprio ora. E soprattutto, quello che sta accadendo oggi, non si può chiamare maltempo: siamo nel pieno di una vera e propria emergenza climatica.

(Visited 37 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago