Emergenza cavallette in Sardegna, agricoltori in ginocchio

L’emergenza cavallette in Sardegna sta portando agricoltori e allevatori alla disperazione. Il Centro Studi Agricoli (CSA) chiede l’intervento del presidente della Regione. 

Emergenza cavallette in Sardegna. L’invasione delle locuste rischia di causare danni per il terzo anno consecutivo. Lo denuncia il Centro Studi Agricoli (CSA) che parla di una situazione già “fuori controllo” nella campagne del centro dell’Isola. Secondo l’organizzazione, agricoltori e allevatori sono “disperati perché senza pascoli e foraggio“.

Fino a oggi, i Comuni infestati sono ben 22: Ottana, Lei, Orotelli, Silanus, Dualchi, Sedilo, Bolotana, Orani, Sarule, Olzai, Sorradile, Nughedu Santa Vittoria, Noragugumese, Oniferi, Illorai, Esporlatu, Burgos, Bottida, Bono, Anela, Bultei e Benetutti.

L’Agenzia Regionale Laore e l’Università di Sassari sono impegnate nella mappatura dei nidi delle cavallette.

Secondo il presidente del CSA, Tore Pinna, “a mancare è stata la Regione Sardegna con i due assessorati competenti, quello all’Ambiente e quello all’Agricoltura, il primo per non essere intervenuto tempestivamente con azioni di disinfestazioni alle prime schiuse delle uova, e il secondo per i forti ritardi e per l’assenza a oggi degli accrediti dei ristori agli agricoltori e allevatori”.

Tore Pinna (CSA): “Intervenga Solinas o inoltreremo una segnalazione alla Procura della Repubblica”

Il Centro Studi Agricoli (CSA) chiede al presidente della Regione Sardegna, Christian Solinas, di dichiarare pubblicamente le motivazioni dei ritardi dei due esponenti della Giunta.

In alternativa, l’organizzazione presieduta da Tore Pinna ha annunciato di valutare la possibilità di inoltrare una segnalazione alla Procura della Repubblica, così da individuare eventuali responsabilità nella gestione dell’emergenza cavallette.

Articolo precedenteEmergenza climatica, Biden avverte: sarà la stagione degli uragani più pericolosa di sempre
Articolo successivoVisit Monti Dauni, un viaggio tra storia e tradizione