La cantante Elodie ha aiutato l’Enpa di Foggia a trovare una casa a otto cuccioli abbandonati. In città per le riprese di un film, l’artista romana è venuta a conoscenza della storia e si è subito attivata.

Otto cuccioli abbandonati davanti il rifugio per cani gestito dall’Enpa, l’Ente Nazionale Protezione Animali, e la necessità di trovar loro una casa.

Tanto è bastato per attirare l’attenzione della cantante Elodie che si trovava vicino Foggia per le riprese del film “Ti mangio il cuore” del regista Pippo Mezzapesa. L’artista romana si è subito attivata mettendo a disposizione la sua notorietà.

Roma, entro la fine dell’anno il primo ospedale pubblico e gratuito per cani e gatti

Elodie trova casa a 8 cuccioli, la storia

La storia inizia il 13 ottobre scorso quando qualcuno lascia nei pressi del rifugio Enpa di Ascoli Satriano ben otto cuccioli. I volontari dell’Ente se ne prendono cura e da subito attivato le ricerche per trovare la loro mamma.

Grazie a un tam tam veicolato dai social network, l’Enpa è riuscita a ritrovare Lola, la mamma dei cuccioli. In un filmato pubblicato dalla stessa Enpa si vede il momento del ricongiungimento.

Lola era parecchio frastornata: vagava da giorni alla ricerca dei suoi piccoli e con le mammelle piene di latte. Nonostante la stanchezza s’è presa cura dei suoi cuccioli.

Roma, moria di storni: l’Oipa scrive alla Asl e al Campidoglio

Cuccioli abbandonati, l’interessamento di Elodie

Il tam tam social evidentemente è arrivato anche all’orecchio di Elodie che in quei giorni si trovava sul set di un film ad Ascoli Satriano.

Quando si è trattato di trovare una casa agli otto cuccioli abbandonati, dunque, la cantante si subito offerta di aiutare le volontarie dell’Enpa offrendo la sua notorietà.

Grazie anche al suo aiuto, oggi ognuno degli otto cuccioli ha trovato una casa. 

Giornata del Pinguino, Greenpeace in Antartide per studiare la decimazione delle colonie

Articolo precedente“Piccoli gesti, grandi crimini”, presentati i risultati della campagna anti-littering di Marevivo
Articolo successivoGeorgia del Sud, riapre il “Museo alla fine del mondo”