Il Regno Unito ha deciso: i cittadini hanno scelto l’uscita dall’Unione europea voluta dal premier conservatore Boris Johnson.  

Secondo gli exit poll i Tory avrebbero 368 seggi contro i 191 del Labour. Nessuna speranza quindi per l’ipotesi di quel  secondo referendum promesso dal laburista Jeremy Corbyn.

Elezioni al via questa mattina nel Regno Unito: i seggi sono aperti dalle 7:00 ora locale (le 8:00 in Italia) in 650 collegi elettorali tra Inghilterra, Galles, Scozia e Irlanda del Nord ed i sudditi di Sua Maestà potranno votare fino alle 22:00 locali.

Elezioni, il piano green: 60 milioni di alberi l’anno piantati nel Regno Unito

I risultati arriveranno quindi nella notte fra giovedì e venerdì. Il favorito è l’attuale premier Boris Johnson ed il suo partito conservatore, ma il suo principale sfidante, il laburista Jeremy Corbin, è ancora convinto di poterlo battere.

Johnson punta a portare il Paese fuori dalla Ue alla nuova scadenza del 31 gennaio 2020. Il suo rivale Corbin promette di convocare un secondo referendum sull’uscita dall’Unione europea. Per i media britannici non ci sono dubbi: il Guardian parla questa mattina di una scelta “storica” e l’Independent gli fa eco definendo lo scrutinio “veramente storico”. Si tratta delle terze elezioni (dopo quelle del 2015 e 2017) in meno di cinque anni e le prime tenute nel mese di dicembre in circa 100 anni.

Clima, la Gran Bretagna riconosce lo stato di emergenza climatica

Sulla vittoria di Johnson, sono pochi gli osservatori che sembrano avere dubbi. Il punto non è tanto il risultato finale, quanto il margine, vale a dire, i seggi che i Conservatori otterranno. Secondo le previsioni, i Tories potrebbero ottenere fino a 339 seggi, ma non c’è alcuna certezza che possano superare la fatidica soglia dei 326 seggi, necessaria per la maggioranza assoluta.

Il sistema elettorale britannico è un maggioritario uninominale secco. In pratica, il candidato del singolo collegio che prende più voti vince il seggio in Parlamento. Dunque non si tratta di una sfida sul numero di voti a livello nazionale, bensì di una lotta elettorale capillare e locale, composta dunque di 650 piccole sfide che comporranno il Parlamento e la sua maggioranza. Per questo si tratta di elezioni estremamente imprevedibili, a maggior ragione quest’anno, con la Brexit di mezzo.

Elezioni, in Regno Unito centrale la lotta contro il cambiamento climatico

E su Twitter intanto spopola l’hashtag #dogsatpollingstations con il quale gli elettori britannici e non solo stanno pubblicando le foto dei loro cuccioli ai seggi.

Cani ai seggi, si continua a votare in Gran Bretagna. Anche Johnson non è da meno

Articolo precedenteRifiuti, ecco perchè non servono altri inceneritori
Articolo successivoRiciclo, ecco Re-born, le scarpe realizzate usando vecchie vele