Elezioni europee 2019, come e quando votare. Tutti i candidati

Elezioni europee.  Tra il 23 e il 26 maggio 2019, circa 400 milioni di europei andranno alle urne per eleggere i propri rappresentanti a Strasburgo. Le votazioni per l’Italia si terranno domenica 26 maggio 2019, dalle ore 7 alle ore 23. Tutte le informazioni su come e quando votare. Ecco i candidati.

Si avvicinano le date delle elezioni che serviranno per scegliere coloro che andranno a comporre il Parlamento Europeo con sede principale a Strasburgo per i prossimi cinque anni e che avranno il compito di rappresentare gli interessi dei cittadini dell’Unione Europea.  Altre due sedi minori del Pe si trovano a Bruxelles, in Belgio, anche nota come capitale dell’Europa per la presenza delle sedi principali delle istituzioni che compongono l’Unione europea, e in Lussemburgo, anche se questa è sempre meno utilizzata.

La durata del mandato di un parlamentare europeo  è di cinque anni. L’ultima volta che siamo stati chiamati alle urne per eleggere i 73 parlamentari italiani che siedono tra i seggi del Parlamento europeo è stata nel 2014.

Il Pe è l’unica istituzione europea eletta direttamente dai cittadini, ecco perché è importante votare. E’ stata, infatti, lanciata la campagna di informazione STAVOLTAVOTO.EU : “Dal momento in cui nasciamo, stiamo qui insieme. Ognuno di noi può lasciare un segno, ma insieme possiamo davvero fare la differenza. Scegli il tuo futuro. Elezioni europee 26 maggio, votare non è l’unica cosa che puoi fare. Puoi svolgere un ruolo fondamentale nel convincere altri a votare e a definire la rotta dell’UE “.

Elezioni Europee 2019, voto fuori sede come fare. Sconti e info

Il primo giorno di chiusura delle scuole per le elezioni europee è previsto per sabato 25 maggio ma anche il 27 e il 28 per lo scrutinio e la pulizia delle aule scolastiche. Il giorno previsto per il ritorno a scuola, dopo le votazioni, è il 29 maggio. Questo ad eccezione delle scuole in cui si voterà anche per le elezioni regionali: in questo caso i ragazzi torneranno a scuola probabilmente il 30 maggio 2019.

Xylella in Mostra al Parlamento Europeo. Così muoiono gli ulivi secolari. IMMAGINI

CHI PUÒ VOTARE E COME SI VOTA?

Possono votare i cittadini italiani che hanno compiuto 18 anni, ovvero circa 46,5 milioni di persone. In Europa, invece, sono circa 400 milioni le persone che possono votare per il Parlamento europeo.

Per votare occorre :

  • Tessera elettorale (se non la trovate o non vi è arrivata a casa potete richiedere un duplicato in Comune anche il giorno delle elezioni politiche);
  • Carta d’identità.

All’entrata del seggio dovrete consegnare il cellulare, la tessera elettorale e la carta d’identità al Presidente del seggio che, a sua volta, vi consegnerà la scheda elettorale e la matita copiativa, con cui si vota.

Per le Elezioni Europee l’Italia viene divisa in cinque circoscrizioni elettorali:

  • grigio, per l’Italia nord-occidentale (Piemonte, Valle d’Aosta, Liguria, Lombardia);
  • marrone, per l’Italia nord-orientale (Veneto, Trentino-Alto Adige, Friuli-Venezia Giulia, Emilia Romagna);
  • rosso, per l’Italia centrale (Toscana, Umbria, Marche, Lazio);
  • arancione, per l’Italia meridionale (Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria);
  • rosa, per l’Italia insulare (Sicilia, Sardegna).

Il voto di lista si esprime tracciando sulla scheda un segno X sul contrassegno legato alla lista prescelta. Si possono esprimere fino a 3 preferenze, ma nel caso di più preferenze dovete fare attenzione perché devono riguardare candidati di sesso diverso.

Plastica, il Parlamento europeo dice basta dal 2021

PARLAMENTO EUROPEO, DA CHI È COMPOSTO?

Il Parlamento europeo è composto da 751 parlamentari, anche se avrebbero potuto essere 705 se il Regno Unito avesse completato il processo di uscita dall’Unione europea per tempo. Per ora non esiste un accordo e i britannici dovrebbero essere chiamati alle urne giovedì 23 maggio per eleggere 73 parlamentari, come l’Italia.  Ad oggi, il paese che elegge più parlamentari è la Germania, con 96 seggi, mentre i paesi con meno parlamentari all’attivo, 6, sono Cipro, Estonia, Lussemburgo e Malta. Il numero di parlamentari da eleggere, infatti, è proporzionale alla popolazione.

Anche se la maggior parte dei 28 paesi che compongono l’Ue votano il 26 maggio, non sono poche le eccezioni: oltre al Regno Unito, anche nei Paesi Bassi si vota il 23 maggio, in Irlanda venerdì 24, in Repubblica Ceca si vota sia venerdì 24 che sabato 25 maggio, mentre in Lettonia, Malta e Slovacchia si vota il 25 maggio. I risultati dei paesi che votano in anticipo saranno comunque resi noti dopo le 23 (ora italiana) di domenica 26 per evitare condizionamenti. La legge elettorale con cui si eleggono i parlamentari italiani in Europa è di stampo proporzionale: un partito ottiene il numero di seggi proporzionale al numero di voti ottenuti su scala nazionale. Unico ostacolo è la soglia di sbarramento fissata al 4 per cento, al di sotto della quale non si ottiene alcun seggio.

Le circoscrizioni in cui è divisa l’Italia per le elezioni europee sono cinque: Italia nord-occidentale (Piemonte, Valle d’Aosta, Liguria, Lombardia), Italia nord-orientale (Veneto, Trentino-Alto Adige, Friuli-Venezia Giulia, Emilia Romagna), Italia centrale (Toscana, Umbria, Marche, Lazio), Italia meridionale (Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria) e Italia insulare (Sicilia, Sardegna). In ciascuna di esse ogni partito deve presentare una lista di candidati.

Una volta eletti, i parlamentari non si dividono per nazionalità in assemblea, ma per gruppi sulla base dell’orientamento politico di appartenenza. Un gruppo si forma se al suo interno ci sono almeno 25 parlamentari in rappresentanza di 7 stati. I partiti che non partecipano ad alcun gruppo hanno diritto a meno spazio durante i lavori dell’assemblea e anche a meno fondi.

Ora legale, Parlamento Ue approva la fine del passaggio dall’ora solare

ELEZIONI EUROPEE 2019, LISTA CANDIDATI

Ecco i vari partiti che parteciperanno alle Elezioni Europee e quali sono i capolista per cui si può votare in ogni circoscrizione, la loro posizione e quali sono i gruppi parlamentari di cui faranno parte nel Parlamento dell’ UE.

Lega

Il candidato della Lega per tutte le circoscrizioni è Matteo Salvini, già Ministro dell’Interno italiano. Al Parlamento Europeo la Lega fa parte del gruppo L’Europa delle Nazioni e della Libertà (Enf), di cui fanno parte tutti i partiti europei di destra euroscettici (es. il partito francese di Marine Le Pen).

Movimento 5 stelle

Per quanto riguarda il Movimento 5 Stelle, i capolisti sono diversi nelle cinque circoscrizioni e sono i seguenti:

  • Maria Angela Danzì: circoscrizione Nord-Ovest
  • Sabrina Pignedoli: circoscrizione Nord-Est
  • Daniela Rondinelli: circoscrizione Centro
  • Chiara Maria Gemma: circoscrizione Sud
  • Alessandra Todde: circoscrizione Isole

A oggi, il Movimento 5 Stelle fa parte del gruppo parlamentare UE Europa della Libertà e della Democrazia diretta (Efdd).

Partito Democratico

Anche i capolisti per il Partito Democratico cambiano a seconda della circoscrizione:

  • Giuliano Pisapia: Circoscrizione Nord Ovest
  • Carlo Calenda: Circoscrizione Nord Est
  • Simona Bonafè: Circoscrizione Centro
  • Franco Roberti: Circoscrizione Sud
  • Caterina Chinnici: Circoscrizione Isole

Il Pd fa parte dell’Alleanza Progressista dei Socialisti e dei Democratici al Parlamento Europeo (S&D), di cui fanno parte i principali partiti socialisti e socialdemocratici europei.

Rinnovabili, nuovi obiettivi vincolanti approvati dal Parlamento Ue

Forza Italia

Forza Italia ha deciso di scendere in campo per queste elezioni europee con Silvio Berlusconi come capolista in tutte le circoscrizioni, tranne in quella del Centro, dove troviamo Antonio Tajani. Il gruppo di Forza Italia si colloca all’interno del Partito Popolare Europeo.

+ Europa

Anche i capolisti per + Europa cambiano a seconda della circoscrizione:

  • + Europa – Circoscrizione Nord-Ovest: Benedetto Della Vedova
  • + Europa – Circoscrizione Nord- Est: Federico Pizzarrotti
  • + Europa – Circoscrizione Centro: Emma Bonino
  • + Europa – Circoscrizione Sud: Raimondo Pasquino
  • + Europa – Circoscrizione Isole: Fabrizio Ferrandelli

Il gruppo + Europa fa parte dell’Alleanza dei Democratici e dei Liberali per l’Europa (Alde), è guidato dall’ex premier belga Guy Verhofstadt, ed è oggi la quarta forza in Eurocamera.

Europa Verde

Per il gruppo Europa Verde ci sono diversi capolisti per le singole circoscrizioni:

  • Europa Verde – Circoscrizione Nord – Ovest: Elena Eva Maria Grandi
  • Europa Verde – Circoscrizione Nord – Est: Silvia Zamboni
  • Europa Verde – Circoscrizione Centro: Annalisa Corrado
  • Europa Verde – Circoscrizione Sud: Eliana Baldo
  • Europa Verde – Circoscrizione Isole: Nadia Spallitta

Questo partito al Parlamento farebbe parte del gruppo Verdi – Alleanza Libera Europea al Parlamento europeo (Verdi/Ale) che riunisce i partiti ecologisti e progressisti nell’Unione Europea.

La Sinistra

Il partito La Sinistra ha diversi capolista, divisi per circoscrizioni:

  • La Sinistra – Circoscrizione Nord – Ovest: Eleonora Cirant
  • La Sinistra – Circoscrizione Nord – Est: Silvia Prodi
  • La Sinistra – Circoscrizione Centro: Marilena Grassadonia
  • La Sinistra – Circoscrizione Sud: Eleonora Forenza
  • La Sinistra – Circoscrizione Isole: Corradino Mineo

Questo partito andrebbe a confluire nel gruppo parlamentare della Sinistra Europea.

Fratelli D’Italia

Questo partito fa parte del gruppo parlamentare dei Conservatori e Riformisti Europei che raggruppa sotto la sua ala tutti i partiti conservatori di destra. Il capolista in tutte le circoscrizioni è Giorgia Meloni.

 

(Visited 19290 times, 189 visits today)

Leggi anche

Diretta Live
Diventa Green!