AttualitàPolitica

Elezioni Amministrative 2021, ecco quando si vota e chi sono i candidati

Condividi

Finalmente è arrivata la data delle elezioni amministrative. Si voterà per il primo turno  il 3 e il 4 ottobre e per il ballottaggio nei giorni di domenica 17 ottobre e di lunedì 18 ottobre 2021.

“I Comuni coinvolti – spiega il Viminale in una nota – saranno 1.162, tra i quali 18 Capoluoghi di Provincia (ivi compresi Torino, Milano, Bologna, Roma e Napoli) e 9 Comuni sciolti per fenomeni di condizionamento e infiltrazione di tipo mafioso, per un totale di 12.015.276 elettori”. 

Ad esclusione delle Regioni a statuto speciale, la legge elettorale delle elezioni amministrative è di stampo maggioritario per l’elezione del sindaco mentre la ripartizione dei consiglieri avvieni in maniera proporzionale.

Per garantire la formazione di una maggioranza solida alle liste collegate al candidato sindaco vincitore verrà attribuito il 60% dei seggi.

I restanti posti nel Consiglio saranno invece assegnati alle altre liste in maniera proporzionale attraverso il “metodo D’Hondt”.

Nel caso in cui, al primo turno, nessun candidato dovesse raggiungere la maggioranza assoluta, si procederà con un ballottaggio tra i due più votati.

Se anche in questo caso dovesse verificarsi una parità, sarà eletto sindaco il candidato più anziano.

Le prossime elezioni amministrative si preannunciano come un appuntamento molto delicato, dal momento che al voto andranno città come Milano, Torino, Napoli, Bologna e Roma.

Fit for 55, come saranno tassati i carburanti nell’Ue?

Nella Capitale i candidati a sindaco sono:

  • la sindaca uscente del M5s Virginia Raggi che tenta una rielezione con una lista politica del M5s e una lista civica del Comitato per Virginia;
  • il candidato del centrosinistra Roberto Gualtieri con l’appoggio di sei liste: Partito democratico, Sinistra civica ecologista (riunisce Liberare Roma, Sinistra per Roma, Sinistra italiana, Articolo Uno, Partito socialista italiano, È Viva), Roma futura (con Giovanni Caudo, Pop, Volt, Possibile, Green Italia), lista civica per Gualtieri sindaco, lista Demos, lista di Europa verde e verdi;
  • il candidato del centrodestra Enrico Michetti, sostenuto da cinque liste: Fratelli d’Italia, Lega, Forza Italia e Udc, Rinascimento Cambiamo e una lista civica;
  • il candidato di Azione Carlo Calenda con la lista civica unica Calenda sindaco.
  • Monica Lozzi di Revoluzione Civica,
  • Andrea Bernaudo dei Liberisti italiani,
  • Rosario Trefiletti per l’Italia dei valori,
  • Gilberto Trombetta per Riconquistare l’Italia appoggiato da Vox e Italexit,
  • Fabiola Cenciotti per Il Popolo della famiglia.

Energie rinnovabili, sfide e opportunità: perché oggi è importante investire nelle energie pulite?

A Milano sono 11 i candidati sindaco che si sfideranno alle prossime Amministrative:

  • Beppe Sala, sindaco uscente con la lista “La Milano radicale con Sala”
  • Luca Bernardo, candidato scelto dal centrodestra all’ultimo minuto dice di avere grandi progetti per la città di Milano,
  • Gianluigi Paragone, uscito dal Movimento 5 stelle, punta a raccogliere i voti degli indecisi e dei delusi dai grillini,
  • Bianca Tedone, candidata di Potere al Popolo,
  • Alessandro Pascale, candidato sindaco del Partito Comunista,
  • Gabriele Mariani, ex Partito Democratico vicino,
  • Simone Sollazzo, ex M5S ci presenta come candidato sindaco né di destra né di sinistra,
  • Giorgio Goggi, candidato sindaco socialista,
  • Mauro Festa, candidato sindaco del partito gay di Milano,
  • Bryant Biavaschi, candidato della lista civica “Milano inizia qui”,
  • Marco Muggiani, candidato del Partito comunista italiano che si presenta da solo

 

Cinque i candidati Sindaco di Napoli:

  • Gaetano Manfredi (centrosinistra-M5S),
  • Catello Maresca (centrodestra-civiche),
  • Antonio Bassolino (civico),
  • Alessandra Clemente (DemA)
  • Sergio D’Angelo (civico).

 

 

(Visited 54 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago