Elezioni, le richieste degli animalisti al prossimo Governo. Il video

Tra le richieste al futuro Governo, l’abolizione della caccia. Walter Caporale (Animalisti Italiani Onlus): “Gli animali non devono essere più visti come oggetti”.

Le elezioni politiche del 25 settembre 2022 sono sempre più vicine. Proprio per questo anche ambientalisti, animalisti ed ecologisti chiedono al prossimo Governo della Repubblica Italiana di tutelare ancora di più i nostri amici a quattro, a due o senza zampe, con le ali, le piume o le squame. Tra le richieste, ci sono l’abolizione della caccia, la chiusura dei circhi con gli animali, e la promozione di menù vegani nelle mense pubbliche.

Noi abbiamo chiesto a tutti i Partiti politici candidati alle Elezioni dei punti animalisti. Innanzitutto, la modifica alla Legge che prevede soltanto una contravvenzione per chi maltratta o uccide animali, quindi, pene più severe per chi li maltratta o li uccide. Poi, finalmente, il decreto attuativo della Legge che deve semplicemente trasferire 2.000 animali presenti nei circhi in altri posti pagati dallo Stato, perché i circhi con animali, nel nostro Paese, non devono più esistere“, ha dichiarato a Teleambiente Walter Caporale, Presidente degli “Animalisti Italiani Onlus“.

Che poi ha concluso: “Chiediamo modifiche molte severe alla Legge sulla caccia per arrivare, come già chiede qualche Partito che ha accolto le nostre richieste, alla sua abolizione. Chiediamo anche che ci sia la possibilità di offrire menù vegetariani e vegani in tutte le mense pubbliche e che la modifica dell’articolo 9 della Costituzione, già attuata, preveda controlli molto severi sugli allevamenti intensivi. In Italia, gli animali non devono essere visti più come oggetti o giocattoli, ma come esseri viventi“.

Articolo precedenteTermovalorizzatore, Ciani: “Avrei preferito altro ma servono impianti per i rifiuti”
Articolo successivoRemTech Expo, economia circolare al centro dello sviluppo sostenibile