Politica

ELEZIONI, DI MAIO: SIAMO AD UN PASSO DALLA VITTORIA

Condividi

Elezioni, Di Maio: “siamo ad un passo dalla vittoria”. Una Piazza del popolo piena accoglie la manifestazione di chiusura della Campagna elettorale di Luigi Di Maio.

Con un ritardo di 30 minuti, apre manifestazione la Sindaca di Roma Virginia raggi, accompagnata sul palco da Beppe Grillo che ha salutato il popolo pentastellato presente con un “godetevela! A dopo”.
Più di 45 mila utenti collegati in rete a seguire la diretta.
“Un anno e mezzo fa – ricorda la Raggi – è  iniziato il nostro sogno, un cammino che ci ha portato al Campidoglio e ora dobbiamo concluderlo andando al governo del paese con Luigi di Maio”.
“Dobbiamo fare un favore ai noi stessi e ai nostri figli, dobbiamo rivoltare completamente il sistema dei partiti, un sistema marcio, in cui gli inciuci sono all’ordine del giorno, i cambi di casacca, gli scambi di favore tra partiti. Hanno scritto una legge per tenere fuori il M5S, sono vergognosi e noi abbiamo la dignita’ di fermare questo sistema e il coraggio di farlo” – sottolinea poi la Raggi che cita il fuorionda di Fitto, Salvini e Meloni: “avete visto? Hanno paura di noi”.

Dopo la Raggi, sul palco Davide Casaleggio. “Abbiamo attraversato vari momenti in
cui ci siamo presentati alle politiche” – ha detto Davide Casaleggio, raccontando il percorso di M5s.
“Oggi nel 2018” – dice – M5s è riuscito “a presentare prima delle politiche una squadra di governo. Siamo riusciti ad arrivare a questo punto grazie a un metodo, Rousseau, che ci chiedono di raccontare nel mondo. Un metodo che ha permesso di mettere il cittadino “al centro delle decisioni importanti”.
“Un pensiero. Un palloncino rosso”. E’ quello che ha lanciato dal palco di piazza del Popolo, Davide Casaleggio per ricordare il padre. Con lui, dalla piazza, tanti altri hanno fatto
volare in cielo altre sfere rosse.
Casaleggio chiama poi sul palco Luigi Di Maio. Un coro “Fuori la mafia dallo Stato”, lo accoglie.
“Ho visto i sondaggi, siamo a un passo dalla vittoria. Al di la’ di quale percentuale si tratti, da quello che ho visto io il M5S puo’ vincere in tutti i collegi uninominali del Sud e in molti del Nord e cosi’ possiamo raggiungere la maggioranza per governare” – afferma Luigi Di Maio al comizio di chiusura del M5S.
“Stamattina quel signore che guidava il treno, Renzi, ha già detto di essere disposto a farsi da parte: è finita” – continua Di Maio, che poi ricorda come “il Movimento è stato dato per morto ogni 6 mesi negli ultimi 5 anni e oggi siamo qui con un consenso ancora maggiore rispetto al 2013, ma se allora siamo entrati in Parlamento come opposizione stasera – aggiunge – quell’era finisce e inizia quella del governo”.

“Con noi – dice Di Maio – finisce l’epoca delle poltrone ma inizia quella di chi lavora fuori dalle istituzioni per i cittadini. Se ci manderete al governo vi daremo le chiavi delle istituzioni”.
Dimezzamento dello stipendio ai parlamentari della Repubblica, via i vitalizi e 30 miliardi di sprechi verso aiuti alle famiglie e ai pensionati. Sono i tre punri che conpongono il primo decreto legge del Consiglio dei ministri a 5 stelle, annunciato dal palco di piazza del popolo da Luigi Di Maio.
“Vi prometto che nessuno sara’ lasciato indietro dallo Stato. Noi siamo quelli che nonostante tutto ce la stanno facendo, e possiamo farcela se tutti partecipiamo e scegliamo” – afferma poi il candidato premier M5S, concludendo il suo intervento.

 

(Visited 169 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago