Il turismo come veicolo per scoprire il valore della natura. È questo l’obiettivo della nuova iniziativa firmata Elekea, pronta a lanciare dal prossimo 20 settembre un nuovo programma di gite sostenibili dedicate esclusivamente a farmacisti, kinesiologi ed erboristi.

Il primo appuntamento messo in agenda da Elekea, azienda fondata da Antonella Ruperto e che da cinque anni opera nell’ambito della fitoterapia,  si terrà in provincia di Roma, nella Riserva Tevere Farfa a Nazzano, la prima area protetta regionale del Lazio istituita nel 1979.

Parchi per il clima, da Minambiente 100 milioni per progetti sostenibili

Il programma prevede una passeggiata naturalistica guidata a tema “Erbe e Bio”, costeggiando il fiume Tevere per un percorso a stretto contatto con la biodiversità. L’escursione terminerà presso un Ecoagriturismo dove gli ospiti, in compagnia del fondatore e ceo Antonella Ruperto, potranno sorseggiare un aperitivo biologico e approfondire il tema della fitoterapia, e quindi delle piante come cura di tutta una serie di patologie o elemento per il mantenimento del proprio benessere psicofisico.

Regione Lazio, parchi e progetto Ossigeno per ripartenza green. Intervista all’assessore Enrica Onorati

Vogliamo fare anche delle gite sostenibili perché siamo convinti che possano aiutare a far capire ancor di più il valore che ha la natura nella nostra vita. Grazie agli esperti che ce la spiegheranno sono convinta che si possa cogliere al meglio l’importanza della stessa, delle sue risorse come fonte del nostro benessere, a maggior ragione dopo la pandemia. Fare un turismo responsabile aiuta a comportarsi meglio anche nella quotidianità. Ci vuole assoluto rispetto verso l’ambiente che ci circonda”, ha dichiarato Ruperto, esperta di turismo e, tra le altre cose, agente di viaggi e proprietaria dell’agenzia Happyland.

Un ‘Sentiero dei Parchi’ come il cammino di Santiago, accordo tra il Minambiente e il Cai

Per maggiori informazioni visita il sito web Elkea

Articolo precedenteInquinamento, da oggi in Europa le navi dovranno pagare le loro emissioni
Articolo successivoInquinamento, le fibre plastiche dei vestiti sintetici stanno invadendo l’ambiente