AnimaliRifiuti

Elefanti, le immagini strazianti di un branco che cerca il cibo in una discarica

Condividi

Nello Sri Lanka un branco di elefanti è stato fotografato mentre cerca del cibo in una discarica a cielo aperto, scatenando l’indignazione e la rabbia degli animalisti.

Gli elefanti selvaggi nello Sri Lanka hanno mangiato la spazzatura da una discarica vicino al loro habitat, rivelano immagini strazianti. Le foto, scattate dal fotografo Tharmaplan Tilaxan di Jaffna, mostrano una mandria che rovista e mangia tra mucchi di immondizia a Oluvil, nello Sri Lanka orientale.

Strage di elefanti in Botswana, misteriosa morte di 350 esemplari

Tilaxan ha documentato a lungo gli elefanti per aumentare la consapevolezza della loro situazione e queste foto sono state presentate in una mostra tenutasi a Jaffna per evidenziare le conseguenze dell’inquinamento.

In un post su suo blog, Tilaxan ha detto: “Nella provincia orientale, un branco di elefanti selvatici ha preso una strana – e triste – abitudine: negli ultimi tempi, questi elefanti sono stati visti alla ricerca di cibo nelle discariche di rifiuti. Una discarica – situata vicino a un’area conosciuta come “Ashraf Nagar” vicino alla foresta al confine con l’area di Oluvil-Pallakadu nel distretto di Ampara – è considerata la causa di questa nuova abitudine distruttiva e malsana. Il branco di elefanti selvatici – in numero di circa 25-30 – ora abituati a nutrirsi così vicino all’habitat umano ha anche iniziato a invadere le risaie ei villaggi vicini in cerca di più cibo, aggiungendo più tensione al già teso rapporto tra gli abitanti del villaggio e gli animali selvatici.”

Normalmente, gli elefanti percorrono fino a 30 chilometri ogni giorno per trovare cibo, ma questo branco ha dovuto adattarsi ai cambiamenti nell’ambiente. A causa della costrizione a foraggiare nella spazzatura, gli animali stanno ora ingerendo microplastiche e polietilene non digeribile.

Coronavirus, in Thailandia 78 elefanti tornano liberi

Tilaxan afferma che un certo numero di autopsie hanno rivelato prodotti di plastica e politene nel contenuto dello stomaco degli elefanti. Nonostante una serie di discussioni con le autorità in corso e persino arrivate a soluzioni – tra cui una recinzione rinforzata intorno alla discarica – non è stata ancora intrapresa alcuna azione per impedire agli elefanti di Oluvil di accedere alla discarica e ad altre aree urbane. Tilaxan ha aggiunto: “La frequenza delle vittime degli elefanti è un invito a tutte le parti interessate a unirsi e arrivare a una soluzione che risolva questo problema il prima possibile”.

 

(Visited 69 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago