AnimaliAttualità

Allarme Elefanti, a rischio estinzione. Solo 400.000 esemplari in Africa

Condividi

Animali. Elefanti a rischio estinzione. Una ricerca condotta dalla Cities, del Programma delle Nazioni Unite per l’Ambiente, ha rivelato che dal 2007 al 2014  sono scomparsi circa 144.000 esemplari di elefanti.  Passati, in un secolo, da 12 milioni a 400.000 unità. Bracconaggio e perdita dell’habitat, le cause del rischio estinzione. Ogni anno diminuiscono dell’ 8%: il tasso di natalità non compensa la percentuale degli uccisi. Caccia da bracconaggio, per l’avorio delle zanne, usato per souvenir e tasti del piano, e poi la caccia da trofeo.

Gli elefanti, i più imponenti mammiferi del pianeta, continuano a diminuire, vittime di un bracconaggio continuo che minaccia la loro sopravvivenza a lungo termine. Un secolo fa in Africa vivevano 12 milioni di elefanti ridotti oggi a circa 400.000 esemplari. Cacciati per le loro zanne d’avorio, gli elefanti africani sono vittime di un bracconaggio selvaggio nonostante dal 1989 il commercio internazionale dell’avorio ricavato dalle loro zanne sia proibito e rigidamente regolamentato.

Bracconaggio degli uccelli, varato il Piano Strategico di Roma

  • BRACCONAGGIO
    Da secoli le zanne di questi pachidermi sono utilizzate oltre che per i souvenir per le tastiere dei pianoforti. Per questo, nonostante il quasi assoluto divieto di caccia, i bracconieri, pagati da intermediari europei e orientali, non hanno mai smesso di uccidere gli elefanti. Dunque bracconaggio e perdita dell’habitat sono le cause del rischio di estinzione della specie.

Circo, animali si o no? al Roncalli lo spettacolo lo fanno gli ologrammi

  • RISCHIO ESTINZIONE
    A lanciare l’allarme è l‘Onu sulla base di una ricerca condotta dall’Organismo che si occupa del commercio internazionale delle specie di flora e fauna minacciate di estinzione(Cites). I numeri raccontano una situazione preoccupante, con una scomparsa di circa 144.000 animali dal 2007 al 2014, e una diminuzione dell’8% l’anno per tutto il continente africano. Dunque il rischio di estinzione di questo animale, docile e mansueto, è alto perché la percentuale degli uccisi, dicono gli esperti, non sarà mai compensata dal tasso di natalità. C’è da ricordare, infatti che la gravidanza di questo mammifero, che partorisce solo un cucciolo a volta, dura 22 mesi.

Biodiversità, allarme Onu: 1 milione di specie verso estinzione per colpa dell’uomo

  • PERDITA HABITAT
    “Il massacro illegale degli elefanti in Africa causato dalla caccia all’avorio rappresenta una minaccia per la specie” ha dichiarato il segretario Generale della Cites Ivonne Higuero sottolineando che “la popolazione in Africa è cresciuta di dieci volte, passando da 125 milioni di abitanti a 1,225 milioni, e ciò porta gli elefanti a contendere con gli umani lo spazio, che diviene sempre più raro”.

Scimpanzé, salvaguardare una specie a rischio di estinzione

  • PAESI FAVOREVOLI AL COMMERCIO
    Gli sforzi di protezione della specie sono, inoltre, ostacolati dalla volontà di alcuni Paesi dell’Africa del Sud, come la Namibia e lo Zimbabwe, di facilitare ancora il commercio dell’avorio. I due Paesi (insieme ad alcuni Paesi europei e asiatici in cui il mercato dell’avorio è ancora presente) vorrebbero meno restrizioni al commercio degli elefanti così come il Botswana che sarebbe intenzionato a togliere il divieto di caccia agli elefanti.

Antartide, la Nasa lancia l’allarme: a rischio rottura un iceberg grande come due New York

  • CACCIA da TROFEO
    Con le sue 7 tonnellate di peso l’elefante, se non provocato, possiede un temperamento mite, con un forte  non solo per i cuccioli ma anche nei confronti dei componenti del branco. E pensare che a cacciarli non sono solo i bracconieri. In Namibia un trofeo di elefante, secondo il listino di una delle organizzazioni più famose per i safari, vale 41 mila dollari.
    (Fonte Ansa)
(Visited 134 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago