Attualità

Ecopillola n. 8 – Edifici ecosostenibili

Condividi

Ben ritrovati nelle ecopillole di Luca Lombroso causa e cure per un pianeta malato in collaborazione con Ecovillaggio Montale. Oggi parliamo di edifici ecosostenibili. Cominciamo con il dire quanto inquinano gli edifici. Volendo questi ultimi possono inquinare zero, proprio per questo vi parlo da ecovillaggio dove gli edifici a emissioni 0 sono già una realtà. Ma vediamo un po’ di dati. Riguardo i gas serra le emissioni dirette degli edifici ammontano al 6 per cento globalmente, principalmente per l’energia termina necessaria per scaldarci. A questo si aggiunge il 12 per cento per l’uso di elettricità. Gli edifici quindi complessivamente nel nostro pianeta incidono sul clima quanto e più dei trasporti. Ancora tanto c’è da fare per migliorare l’efficienza energetica. Proprio quell’efficienza energetica che ha permesso alle case di Ecovillaggio Montale di raggiungere la certificazione energetica NZEB acronimo di Near Zero Energy Building ovvero edifici a energia quasi zero, che sarà obbligatoria per legge in Emilia Romagna in tutti gli edifici di nuova costruzione a partire dal 2019. In Ecovillaggio Montale questo risultato è stato raggiunto grazie a un’attenta progettazione degli orientamenti, dell’isolamento termico, l’eliminazione dei ponti termini e la tenuta all’aria. Ne risulta un comfort abitativo straordinario a fronte di emissioni zero. Ancora una volta la buona notizia è che si può vivere meglio, spendendo meno e tutelando l’ambiente.

(Visited 531 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago