L’Ecopass entrerà in vigore a Roma nel 2024. Da allora per entrare e circolare nel centro della città con l’automobile bisognerà pagare un ticket. Ecco come funzionerà

Dal 2024 entrerà in vigore a Roma l’ecopass, un permesso a pagamento per poter entrare e circolare all’interno del centro della città. L’obiettivo della decisione della giunta Gualtieri – di cui si parlava già da mesi – è quello di diminuire almeno in parte   problemi dell’inquinamento atmosferico e del traffico.

Roma come Milano, dunque, dove l’ecopass è in vigore già da diversi anni. Ma per la Capitale si tratta di una novità assoluta (nonostante tentativi in questa direzione siano stati già fatti in passato dalle precedenti amministrazioni comunali).

Già dal prossimo novembre, poi, ci saranno alcune novità che riguarderanno la circolazione in città della auto più inquinanti come hanno ricordato il sindaco di Roma Roberto Gualtieri e l’assessore capitolino alla Mobilità Eugenio Patanè durante gli  Stati Generali della mobilità romana “Roma riparte”.

Come funzionerà l’ecopass dal 2024

Il funzionamento dell’ecopass a Roma, che entrerà in vigore a partire dal 2024, sarà molto simile a quello già in uso a Milano. Il nome ufficiale scelto da Gualtieri and Co. è “pollution charge”, una tassa sull’inquinamento che sarà imposta a tutti i veicoli che intendono entrare nel centro di Roma.

Si tratta di un’area che rappresenta il 2% dell’intero territorio comunale e comprenderà il Centro Storico, Castel Sant’Angelo, Vaticano, Prati, Trionfale, Clodio, Gianicolense, Ostiense, Monteverde, Testaccio, San Giovanni e Ostiense.

Chi risiede nelle zone interessate dall’ecopass, dunque, dovrà chiedere un permesso speciale che permetterà di ricevere un certo numero di accessi gratuiti all’interno dell’area verde. Non è ancora chiaro se i permessi gratuiti saranno rilasciati anche a chi lavora nell’area interessata.

Tutti gli altri dovranno pagare un ticket per poter entrare. L’entità del pedaggio per accedere nel centro di Roma, però, non è ancora stata indicata.

Le novità sul traffico a Roma da novembre 2022

Durante gli Stati generali della mobilità dello scorso 24 giugno, poi, il sindaco Gualtieri e l’assessore Patané hanno indicato le novità sul traffico in vigore già da novembre a Roma.

Alle limitazioni per la circolazione attualmente già in vigore se ne aggiungeranno altre: divieto di accesso dal prossimo novembre nella Fascia Verde anche per i veicoli Euro 2 a Benzina e Euro 3 Diesel. Mentre nel 202 il divieto nella Fascia Verde sarà esteso agli euro 4 diesel e alla categoria euro 3 benzina.

Articolo precedenteeasyJet, le divise dell’equipaggio ricavate da bottiglie di plastica riciclata
Articolo successivoAmazon dice addio alla plastica. Ecco come saranno i “nuovi” pacchi