Riciclo e RiusoRifiuti

Economia circolare, creare materiali innovativi dagli scarti vegetali si può VIDEO

Condividi

Abbiamo visitato un’azienda rivoluzionaria AlterEco Impatto Zero (Tivoli) che produce beni partendo da scarti di altre produzioni. Ecco come l’economia circolare diventa realtà. 

 

Plastica, una intera città sostituisce le bottiglie monouso con quelle di bambù

La plastica ha invaso la nostra vita e poi la natura. Un materiale rivoluzionario che abbiamo gestito male ed ora sta caratterizzando i nostri ambienti di vita. Sta mettendo in difficoltà gli oceani e le specie che lo popolano. Usare un materiale così rivoluzionario per l’usa e getta su tutto è stato peccato di presunzione. La comunità europea è corsa ai ripari troppo tardi e siamo ancora al punto d’inizio di una rivoluzione che speriamo diventi esponenziale.

Rifiuti, ora gli scoiattoli costruiscono nidi con le buste di plastica FOTO

Cambiare è obbligatorio. Come Teleambiente abbiamo visitato un’azienda rivoluzionaria che anticipa anche il legislatore e produce beni partendo da scarti di altre produzioni. In questo caso vengono prese delle fibre di materiale vegetale come la canna da zucchero e si realizza un materiale totalmente biodegradabile in pochi giorni.
L’economia circolare si potrà avere se tutta la filiera deciderà di invertire la rotta partendo dal soggetto più importante, il consumatore.

Lidl utilizzerà plastica raccolta negli oceani per produrre gli imballaggi

(Visited 124 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago