AttualitàRifiuti

Economia Circolare e rifiuti, Itelyum acquisisce Intereco

Condividi

Economia circolare. Itelyum, leader nazionale e player internazionale nella gestione, riciclo e valorizzazione dei rifiuti industriali perfeziona, ampliando ulteriormente la propria presenza geografica, il closing per l’acquisizione di Intereco.

Con le varie acquisizioni già finalizzate, il gruppo ormai gestisce oltre 1 milione di tonnellate di rifiuti speciali, generando ricavi per complessivi 340 milioni di euro, con oltre 600 dipendenti e più di 20 siti operativi.

Intereco, società ubicata a Fiorano Modenese, costituisce,da oltre 20 anni, una realtà di riferimento all’interno del distretto ceramico di Sassuolo ed in generale delle aziende industriali emiliano-romagnole.

Economia circolare, la nostra leva per la ripartenza

Con due impianti di stoccaggio e trattamento e una flotta di oltre 20 mezzi, l’azienda si occupa di riciclo e valorizzazione di scarti industriali speciali, pericolosi e non.

“Un ulteriore passo in avanti – commenta Marco Codognola, CEO di Itelyum –a supporto di un sistema produttivo sostenibile. Raggiungiamo non solo quote di mercato più ampie, ma possiamo offrire soluzioni ambientali ottimali per il settore dell’economia circolare”.

Siberia, temperature record a Giugno: l’Artico si sta riscaldando più velocemente del resto del mondo

“La strategia e le priorità proposte per il Green New Deal europeo e il nuovo piano d’azione per l’economia circolare, che si concentrano sull’utilizzo di fonti sostenibili soprattutto nelle industrie ad elevato consumo di risorse, richiedono soluzioni eco-innovative e prodotti, processi e servizi efficienti al fine di attivare un efficace “metabolismo” del rifiuto. Come Itelyum  – conclude Codognola – continueremo nella nostra mission di coltivare sinergie e professionalità per dare il giusto sostegno allo sviluppo dell’industria sostenibile”.

 

 

(Visited 19 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago