AttualitàClima

Dal 20 maggio torna CIRCONOMÌA, il Festival dell’economia circolare

Condividi

Economia circolare. Prenderà il via il 20 maggio CIRCONOMÌA, il Festival dell’economia circolare e delle energie dei territori. Il programma della quinta edizione è stato svelato questa mattina (18 maggio), durante la conferenza stampa dai Direttori Artistici Roberto Cavallo e Roberto Della Seta con la partecipazione dei principali sostenitori della manifestazione, organizzata da Gmi (Greening Marketing Italia), Cooperativa Erica e Aica (Associazione internazionale per la comunicazione ambientale).

Nel 2020 Circonomia è ancora più ricca: 16 appuntamenti, oltre 100 personaggi presenti e numerosi sponsor hanno deciso di sostenere il festival.

La principale novità del programma è lo sdoppiamento del format: dal 20 maggio al 17 giugno infatti si terrà Circonomia Digitale, con una serie di eventi su Zoom e sulla nuovissima Circonomia TV, mentre dal 17 settembre al 1° ottobre si svolgerà Circonomia Live, una versione più tradizionale del festival con incontri e convegni ad Alba e Torino, che saranno visibili anche su Circonomia TV, e che vedranno la partecipazione personalità del mondo politico, economico e ambientale.

Gli eventi in programma si rivolgono a un pubblico non solo di addetti ai lavori, ma a tutti i cittadini consapevoli che l’economia circolare sia la via maestra per ripartire, dando un senso e un futuro all’idea di “green new deal”.

Ambiente, dal 18 al 24 maggio la prima edizione della “Settimana della natura”

Ecco gli appuntamenti e i protagonisti principali di Circonomìa 2020:

  • Mercoledì 20 maggio su Zoom (accessibile dal sito www.circonomia.it) si terrà il convegno “L’economia circolare e il Covid19: esperienze europee e innovazione italiana” dove si farà il punto su come in Europa si sia fronteggiata l’emergenza sanitaria dal punto di vista ambientale, come la filiera del riciclo abbia fatto fronte alla situazione e le innovazioni messe in campo dalle imprese italiane durante la pandemia.
  • Mercoledì 20 maggio su Circonomia TV alle 21 si terrà in anteprima italiana la proiezione del film “Demain” di Cyrill Dion. La visione del film sarà preceduta alle 20 da un dibattito tra Roberto Cavallo e l’autore francese, che avrà come tema “Resistenza e resilienza al tempo del Covid19”.
  • Venerdì 22 maggio su Zoom (accessibile da www.circonomia.it) alle 15,30 si terrà il convegno “Il vino e la crisi climatica: quali scenari?”. I lavori saranno aperti da una lectio magistralis di Stefano Caserini, Climatologo e docente del Politecnico di Milano, dalle testimonianze di alcuni esponenti del mondo vitivinicolo e una tavola rotonda finale con Vincenzo Gerbi del Dipartimento di Scienze Agrarie dell’Università di Torino, Giacomo Olivero della Scuola Enologica di Alba e Ivana Brignolo dell’Associazione Donne del Vino
  • Mercoledì 27 maggio su Circonomia TV alle 17,30 si terrà l’incontro “Le materie prime della dieta mediterranea.. in acciaio” con Roccandrea Iascone di Ricrea, che sarà seguito dalla presentazione dei libri “Spam – Stop plastica a Mare” di Filippo Solibello e “La Plastica nel piatto”. A moderare il dibattito con gli autori sarà Piera Genta di Italia a Tavola.
  • Mercoledì 3 giugno su Circonomia TV alle 17,30 l’incontro “Il lavoro del futuro” con la presentazione di “100 Green Jobs” di Tessa Gelisio e “Il Mondo dopo il Pil” di Lorenzo Fioramonti. A moderare il dibattito con i due autori sarà Emanuela Rosio di AICA.
  • Mercoledì 10 giugno su Circonomia TV alle 17,30 l’incontro “Meteo e Clima” con la presentazione di “Il clima che cambia” di Alessandra Mazzai e “Meteo che scegli, tempo che trovi” di Serena Giacomin. A moderare il dibattito con le due autrici sarà Maurizio Bongioanni di Envi.info
  • Mercoledì 17 giugno su Zoom (accessibile da www.circonomia.it) alle 11 si terrà il webinar“Dialogo con la generazione del Rapporto Bruntland”, ovvero il futuro raccontato da giovani startupper under 35 impegnati nel mondo dell’Economia Circolare. Il titolo dell’incontro richiama il celebre rapporto Bruntland che nel 1987 diede una definizione allo sviluppo sostenibile. I giovani startupper sono nati negli anni della pubblicazione del rapporto e quindi l’intento è di dare voce a quelle che, all’epoca della stesura del report, erano le “generazioni future”.  A moderare il webinar sarà il giornalista Filippo Femia de La Stampa.
  • Sempre mercoledì 17 giugno su Circonomia TV alle 17,30 l’incontro “Energia, inquinamento e virus” con la presentazione di “Due Gradi” di Gianni Silvestrini e “Chernobyl Italia” di Stefania Divertito. A moderare il dibattito con gli autori sarà Francesco Ferrante di GMI.

Pesticidi, la Commissione Europea vuole dimezzarne l’utilizzo per proteggere le api

Dal 17 settembre si aprirà la seconda fase del festival, con Circonomia Live: giovedì 17 settembre si terrà il workshop su Green e Circular economy, con interventi di Domenico Siniscalco, Roberto Morabitoe Giuliana Cirio; nel pomeriggio verrà organizzato un corso destinato ai giornalisti.

Venerdì 18 settembre si terrà invece il dibattito “La circolarità è il futuro?” con Leonardo Becchetti, Roberto Morabito e Christophe Debien. Sabato 19 doppio appuntamento: al mattino con il convegno “Il Pack del Futuro” e al pomeriggio con il dibattito “The Economy of Francesco”, con la partecipazione del direttore di Famiglia Cristiana, Antonio Rizzolo.

Giovedì 1 ottobre il festival si sposterà a Torino, con il dibattito “Dal Manifesto di Assisi all’ecologia di governo” che vedrà la partecipazione, tra gli altri, di Elly Schlein e Mauro Ceruti.

Sempre ad ottobre, durante il Salone del Libro di Torino, si terrà il dibattito “L’ecologia delle Parole” con la partecipazione di Vito Mancuso, Catia Bastioli e la virologa Ilaria Capua.

L’ambizione di CIRCONOMIA è mettere in scena l’incontro tra buona economia e ambiente sano simboleggiato per l’appunto dall’economia circolare.

Economia “circolare” significa produrre beni e servizi reintegrando   negli ecosistemi (biodegradabilità) o rivalorizzando economicamente (riutilizzo, riciclo, recupero) i materiali che residuano dal processo produttivo: materiali che invece nell’economia “lineare” diventano rifiuti.

Ma l’economia circolare è molto di più che azzerare o comunque minimizzare la produzione di rifiuti: è l’immagine più appropriata ed eloquente di una visione dell’economia radicalmente rinnovata, che supera il conflitto tradizionale tra interesse economico e interesse ambientale e la stessa logica di un’economia a ridotto impatto ambientale.

Nella dimensione circolare economia e ambiente non sono più termini tra loro incompatibili e nemmeno interessi da comporre sulla base di reciproche rinunce.

Sono piuttosto, o meglio possono diventare, due declinazioni complementari di una più larga e per l’appunto “circolare” nozione di benessere.

USA, negata la protezione completa alle martore di Pennant, una specie a rischio

Circonomia è in primo luogo un grande lavoro di squadra di tutti, organizzatori, partner, territorio. Una squadra che ogni anno cresce in numeri e qualità. Perché solo così si mette in circolo l’economia, grazie al ruolo della conoscenza e dell’informazione, centrali in questo nuovo modello o paradigma – commenta Roberto Cavallo, Amministratore Delegato di E.R.I.C.A. soc. coop. –  sapere, incontrarsi, scambiare, conoscere sono le nuove parole chiare per cambiare e rispondere alle richieste di uno sviluppo più sostenibile e differente. Vi aspettiamo a Circonomia a dialogare con noi”.

Questa quinta edizione di Circonomìa giunge in un tempo di estrema difficoltà per l’Italia e per gran parte del mondo, investiti dalla pandemia e dalle sue drammatiche conseguenze socio-economiche – conclude Roberto della Seta di GMI – per questo è un’edizione ‘ibrida’ tra web e appuntamenti ‘in presenza’, per questo abbiamo cercato insieme a tutti i nostri partner, di farne l’occasione per ragionare sull’economia circolare, sulla sua urgenza, anche a partire dalla lezione che viene dall’attuale crisi sanitaria: il progresso, il benessere umano, sono sempre più inscindibili dalla capacità di vivere in equilibrio con la natura e l sue leggi”.

Circonomia è organizzato in collaborazione con Politecnico di Torino, Università degli Studi di Torino, Legambiente, Kyoto Club, Fondazione Symbola; e con il sostegno di Novamont, CONOU, Fondazione CRC, Confindustria Cisambiente, Montello Spa, Ricrea, Banca d’Alba,COMIECO,Confindustria Cuneo,Dentis,Ecopneus, EGEA, Go Rent,Mercatò, Burgo Group, CiAl, CIER, EcoEridania, La Filippa e ReLife Group; il patrocinio del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare.

(Visited 16 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago