Economia elicoidale, dalla chiocciola di Cherasco prodotti biologici, naturali e genuini

113
0

Dalla chiocciola si sviluppa una economia detta elicoidale, pulita, sostenibile, rispettosa dell’intera filiera. Simone Sampò, direttore dell’Istituto Internazionale di Elicicoltura Cherasco ha parlato a TeleAmbiente del Metodo Cherasco.

Dalla chiocciola, piccolo mollusco invertebrato collocato al fondo della catena alimentare, si sviluppa una economia, ribattezzata economia elicoidale,  pulita, sostenibile, rispettosa dell’intera filiera e dove ci sono grandi potenzialità dal momento che la produzione attuale in Italia copre solo il 15% della domanda interna.

Il Metodo Cherasco nell’allevamento delle chiocciole è stato sviluppato dall’Istituto Internazionale di Elicicoltura Cherasco, guidato da dall’imprenditore Simone Sampò che in 6 anni ha rivoluzionato il settore elicicolo portando gli allevamenti che seguono il metodo cherasco da 200 a oltre 800, per un fatturato complessivo che, nel 2021, ha sfiorato i 500 milioni di euro e impiegando, tra lavoratori diretti ed indotto, oltre 11000 persone in tutta Italia.

“Partiamo dal presupposto del buono, pulito e giusto di Slow Food. Manteniamo come concetto fondamentale che il primo profitto è la salvaguardia del nostro pianeta. – ha dichiarato a TeleAmbiente Simone Sampò, direttore dell’Istituto Internazionale di Elicicoltura Cherasco – Attraverso la nostra chiocciola siamo stati in grado di dimostrare che esiste un nuovo concetto di economia, quella elicoidale, è l’evoluzione dell’economia circolare: quando diventa tridimensionale si crea un elicoidale, un cerchio che non si chiude più ma che si può allargare ad altri settori dell’economia”.

In cosa consiste il Metodo Cherasco

Il significato dell’allevamento delle chiocciole basato sul “Metodo Cherasco” sta nell’auto sostentamento degli impianti elicicoli: la chiocciola deve mangiare ciò che viene appositamente prodotto e che cresce direttamente dalla terra. Un disciplinare di  allevamento sostenibile e rispettoso della natura.

L’allevamento secondo il Metodo Cherasco – all’aperto, alimentazione solo vegetale, migrazione naturale da un recinto all’altro – rende questa la chiocciola molto richiesta per la qualità della carne e della bava.

La chiocciola di Cherasco di cui “non si butta via niente”

“Della chiocciola non si spreca niente: come cibo ha delle proprietà nutrizionali incredibili ed è povera di grassi, gli scarti dei gusci vengono utilizzati come scrub per la cosmesi, gli intestini vengono usati come mangime per trote o piccioni. – ci spiega Sampò – Usiamo le uova come perlage di chiocciola, un piatto erroneamente chiamato “caviale di lumaca”, le carni per piatti gourmet e la bava, che grazie ad un sistema di estrazione cruelty free, la utilizziamo nella farmaceutica e nella cosmesi. Abbiamo anche visto che la bava di lumaca allunga la shelf life dei prodotti edibili“.

“La chiocciola è stata anche portata nel mondo della pet-therapy, con progetti di aiuto ai ragazzi autistici. Abbiamo portato la lumaca in 13 settori dell’economia: la carne è un’alternativa proteica alle carni rosse, va bene per i diabetici ed è ricca di proteine“, conclude Sampò.

Carne di Chiocciola, una fonte di proteine sostenibile 

La carne di chiocciola è ricca di proteine (14%), ha una bassissima percentuale di grassi (0,7%, meno della sogliola) e contiene una ricca varietà di sali minerali (abbondano calcio e magnesio, oltre a ferro e a rame).

“La produzione di chiocciole richiede in media 3 litri d’acqua a metro quadro che portano ad un consumo di 500 litri per ottenere un kg di carne di chiocciole contro i circa 11.000 necessari per produrre un kg di carne “tradizionale, afferma Sampò.

Lumacheria Italiana, la branca food dell’Istituto di Elicicoltura, propone diversi preparati a base di chiocciole, con e senza guscio (ad esempio patè di chiocciole, chiocciole al curry, ragout di chiocciola).

Escargot Burger è la novità food, ovvero il primo Hamburger di Chiocciola al mondo. Nell’interpretazione di Lumacheria Italiana le scelte sono legate al concetto di alimentazione naturale e di ingredienti che richiamano l’approccio salutistico; la carne di manzo è completamente sostituita dalla polpa di chiocciola tritata ed amalgamata assieme alle verdure fresche dell’orto: carota, sedano, bietole, patate.

L’Escargot Burger offre un contributo proteico importante, è poverissimo di grassi e ricco di vitamine e nutrienti tipici delle verdure.

Il disciplinare “Chiocciola Metodo Cherasco”

Le regole per un impianto dal potenziale di reddito altissimo e un prodotto 100% naturale e biologico.

Il successo della “Chiocciola Metodo Cherasco” è frutto del relativo Disciplinare – sviluppato in collaborazione con l’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo,  basato sul sistema di allevamento a ciclo naturale completo. Il significato di questo sistema sta nell’auto sostentamento degli impianti elicicoli: la chiocciola deve mangiare ciò che viene appositamente prodotto e che cresce direttamente dalla terra. Solo così si può ottenere un prodotto super naturale con le caratteristiche della Chiocciola Metodo Cherasco.

I 6 fondamentali

  • allevamento all’aperto
  • alimentazione vegetale
  • riproduttori certificati
  • migrazione naturale
  • rete helitex
  • agricoltura simbiotica

“L’Istituto Internazionale di Elicoltura di Cherasco è un punto di svolta: uno spazio per neofiti e per giovani allevatori ma con la gestione di un istituto che dà la possibilità di avere una formazione corretta. – afferma Simone Sampò –  Così nasce la filiera breve di Chiocciola Metodo Crasco, un nuovo modo di fare impresa che parte dal concreto, ovvero la valorizzazione del nostro terreno senza danneggiarlo e inquinarlo ulteriormente“.

Articolo precedente“The Living Sea”, a Venezia arriva la mostra a cura di Marevivo Onlus
Articolo successivoUn cane “irrompe” in uno studio televisivo perché affamato. Ecco il video