Mela Mundi, il nuovo eco-murales di Yourban 2030 nel quartiere Ostiense

227
0

Con 1200 mq di pittura capace di purificare l’aria su 2000mq di superficie, Ostiense diventa ufficialmente il primo quadrante urbano eco-riqualificato d’Italia.

Il quartiere si arricchisce di un nuovo murale anti smog, Mela Mundi dell’artista ZED1 ovvero la storia del mondo vista attraverso gli occhi di una mela.

Il ristorante Porto Fluviale ha celebrato i suoi 10 anni di attività con la promozione di questo murale, la no profit Yourban 2030 ha curato la realizzazione dell’opera che utilizza la eco pittura Airlite capace di eliminare batteri, virus e di evitare l’emissione di anidride carbonica.

A patrocinare l’opera il municipio VIII e l’assessorato all’Ambiente che hanno riflettuto sulla necessità che le istituzioni utilizzino tecnologie green in modo sistematico.

Veronica De Angelis, fondatrice di Yourban 2030, ha dichiarato a TeleAmbiente: “È un regalo che è stato voluto dalla proprietà del ristorante Porto Fluviale che ha chiamato noi di Yourban 2030 per realizzare quest’opera. Aggiungere nuovi murales sostenibili arricchisce a livello estetico e di riqualificazione la città, ma ha anche un impatto ambientale forte. Certo non possiamo dire che solo grazie ai murales l’aria diventerà più respirabile ma, se pensiamo che questo murales di 200mq unito ai 1200 mq di Hunting Pollution assorbiranno l’inquinamento di 192 macchine al giorno, un po’ di risultato lo otteniamo.”

Sabrina Alfonsi, Assessora all’Ambiente, all’Agricoltura e ai Rifiuti: “Noi stiamo facendo un lavoro di utilizzo di materiali diversi proprio in funzione, non solo della qualità dell’aria ma anche del rendere questa città più sostenibile, per esempio togliendo asfalto dove non serve oppure adoperare materiali che sono permeabili. In quest’ottica sicuramente dei materiali come questo, che migliorano la qualità dell’aria, rientreranno a pieno regime. Qui siamo di fronte a una situazione doppiamente favorevole; c’è una rigenerazione urbana, c’è un’arte a portata di tutti ma c’è anche un’arte che aiuta a pulire la nostra aria.

Articolo precedenteFiumi a secco e animali morti di sete. L’Italia verso il razionamento diurno dell’acqua
Articolo successivoCibo, vino e turismo protagonisti della fiera “Mediterraneo” di Napoli