Roma e Dintorni

ECOLAMP, NEL 2018 RACCOLTE OLTRE 14 MILIONI DI LAMPADINE. ROMA SECONDA IN CLASSIFICA

Condividi

Ecolamp. 3.868 tonnellate di Rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (Raee) sono state raccolte dal consorzio Ecolamp nel 2018. Un incremento del 17% rispetto all’anno precedente. Roma secondo posto nella classifica.

In vetta alla classifica regionale si confermano Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna.

Al primo posto si conferma la Lombardia con 460 tonnellate, seguita da Veneto (215), Emilia Romagna (165), Toscana (156) e Piemonte (128).

Sul podio invece della classifica provinciale troviamo: Milano (118tonnellate), Roma (102tonnellate) e Bergamo (98tonnellate).

Napoli è la prima provincia del Sud, con oltre 31 tonnellate, mentre Catania, sfiorando le 21 tonnellate, è la provincia delle due isole maggiori più alta in classifica.

Il 55% della raccolta è composto da piccoli elettrodomestici, l’elettronica di consumo e gli apparecchi di illuminazione (R4), mentre il 45% è composto da sorgenti luminose esauste (R5).

Nel 2018, in particolare, è cresciuta del 37% (arrivando a 2.135 tonnellate) la raccolta dei piccoli elettrodomestici giunti a fine vita, come lampade, rasoi elettrici, frullatori e smartphone.

Di queste, 2.104 tonnellate sono state raccolte attraverso i centri di conferimento serviti dal consorzio e presenti su tutto il territorio nazionale, mentre 31 tonnellate provengono dai servizi messi a disposizione da Ecolamp per professionisti e operatori del settore.

Nel settore delle lampadine, 706 tonnellate avviate al consorzio ad impianti di trattamento specializzati arrivano dai servizi volontari offerti da Ecolamp ad installatori e altri utenti professionali, mentre 1.027 sono le tonnellate conferite lo scorso anno dai privati cittadini.

Si tratta complessivamente di 1.733 tonnellate, pari a oltre 14 milioni di sorgenti luminose avviate a corretto riciclo.

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago