EventiScienza e TecnologiaVideo

Ecofuturo 2021, torna a Padova il festival delle ecotecnologie

Condividi

Torna Ecofuturo Festival dal 13 al 17 luglio a Padova. Nel corso della prima serata TeleAmbiente è stata premiata per i suoi 30 anni di informazione. Interviste a Fabio Roggiolani, co-founder del festival, Riccardo Fraccaro, Movimento 5 stelle, ospite di Ecofuturo, e Vanni Covolo, Ceo del progetto River Cleaning.

Dal 13 al 17 luglio al Fenice Energy Green Park di Padova l’ottava edizione di Ecofuturo, il festival delle ecotecnologie. La promozione delle migliori ecoinnovazioni, oltre ad uno stile di vita incentrato sul benessere, è al centro della filosofia di Ecofuturo, che ha voluto aumentare la disponibilità di informazioni e contatti a disposizione.

“Ogni anno mettiamo in vetrina l’ecologia concreta, non è un luogo in cui si spoilerano notizie. E’ la fiera della speranze concrete perché quello che presentiamo è già prodotto, acquistabile ed applicabile. – ci spiega Fabio Roggiolani, esperto ecotecnologo e co-fondatore di Ecofuturo – Tra le innovazioni partire da qui che ha spopolato è stata quella dei led, ma anche gli ecodragaggi. I nostri bacini sono intasati dai fanghi, e ciò deriva che, utilizzando l’agricoltura intensiva, ogni volta che piove tutto viene portato a valle. Gli invasi che abbiamo fatto sono pieni di fanghi. L’ecodragaggio innovativo e continuo che non arreca danni al bacino e porta via i materiali e li rimetti in disponibilità per utilizzarli”.

Ospite del festival Riccardo Fraccaro (M5S), propulsore del superbonus 110%, una legge che ha rivoluzionato il mondo dell’edilizia e dell’efficientamento energetico: “Sta andando molto bene, oggi siamo già a 3miliardi e mezzo di lavori certificati, quindi già conclusi. Un risultato raggiunto in 6 mesi, quindi qualcosa di eccezionale per l’Italia. Gli operatori stanno dimostrando grande entusiasmo, sia per un aumento delle entrate che per un aumento dell’occupazione”

Superbonus 110%, ora è più semplice: tutte le novità su come ottenerlo

Il Superbonus 110% viene ufficialmente prorogato con l’approvazione del Pnrr, ciò significa che la scadenza del beneficio viene posticipata:

  • fino al prossimo 30 giugno 2022 per le persone fisiche su unità unifamiliari;
  • per i condomini, la data di scadenza non prorogabile sarà quella del 31 dicembre 2022;
  • a beneficiare di tempi più lunghi con scadenza al 30 giugno 2023 saranno gli Istituti autonomi case popolari (Iacp) ed altri enti analoghi.

“Se vogliamo veramente affrontare il problema dei cambiamenti climatici ed un futuro sostenibile per la nostra società dobbiamo porci degli obiettivi fino a ieri impossibili, e per farlo servono misure radicali e poderose”, conclude Fraccaro.

Tutto il programma

 

Ad Ecofuturo presente anche il progetto tutto italiano River Cleaning, la cui missione è quella di installare “sistemi funzionali e poco costosi per intercettare i rifiuti  galleggianti sia plastici che di tipo oleoso, ed intercettarli prima che finiscano in mare“, Vanni Covolo, Ceo River Cleaning. 

River Cleaning, fermare la plastica e i rifiuti oleosi nei fiumi prima che arrivino in mare

Nel corso della prima serata una tavola rotonda sul mondo dell’informazione ecologica con i migliori comunicatori del settore. Festeggiando i 30 anni di TeleAmbiente, giornalisti, redattori e influencer, si sono confronati sul mondo della comunicazione ambientale. Dalla fase pionieristica, oggi l’informazione ecologista è al centro dell’informazione quotidiana, è possibile fare sistema per rispondere alle nuove esigenze dell’era delle rinnovabili?

Il direttore di TeleAmbiente Stefano Zago ha ritirato la targa e il quadro donato e realizzato da Jacopo Fo, “La donna che inventò l’agricoltura”. 

(Visited 110 times, 5 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago