AttualitàMobilità

Ecobonus 2021, al via dal 27 ottobre le prenotazioni per richiedere gli incentivi sull’acquisto di auto a basse emissioni

Condividi

Al via da mercoledì 27 ottobre dalle ore 10:00 le prenotazioni per richiedere l’Ecobonus. A spiegare come richiederlo, una nota del ministero per lo Sviluppo economico, dopo la pubblicazione in Gazzetta ufficiale del decreto legge fiscale che ha rifinanziato per il 2021 il fondo automotive con ulteriori 100 milioni di euro.

Sarà possibile prenotare gli incentivi per l’acquisto di veicoli a basse emissioni dalle ore 10 di mercoledì 27 ottobre sulla piattaforma ecobonus.mise.gov.it del Ministero allo Sviluppo economico. Le nuove risorse vengono ripartite destinando 65 milioni per acquistare i veicoli con emissioni comprese tra 0-60 g/km CO2.

 

Siamo soddisfatti per questo rifinanziamento degli ecobonus auto, che abbiamo voluto fortemente venisse inserito nel decreto fiscale”. Lo afferma il ministro dello Sviluppo economico, Giancarlo Giorgetti. È un altro segnale concreto dell’attenzione che mettiamo per favorire la transizione verso il green agevolando i consumatori”, aggiunge. Come Mise ‘‘lavoriamo anche per accompagnare la nostra industria nel percorso di riconversione del settore automotive, tenendo conto che le richieste del mercato si stanno posizionando su produzioni elettriche e a basse emissioni”.

Mobilitazione per l’Asse degli Acquedotti, cittadini e associazioni richiedono la realizzazione di questo tracciato

Le nuove risorse vengono ripartite destinando: 65 milioni per acquistare i veicoli con emissioni comprese tra 0-60 g/km CO2. Il contributo è riconosciuto anche per gli acquisti in leasing e si differenzia a seconda della fascia di emissioni (0-20 o 21-60) e per la presenza di un veicolo da rottamare. In particolare, per i veicoli elettrici con emissioni comprese tra 0-20 g/km è riconosciuto un contributo fino 6.000 euro con rottamazione e 4.000 senza rottamazione, mentre per i veicoli ibridi con emissioni comprese tra 21-60 g/km è riconosciuto un contributo fino a 2.500 euro con rottamazione e 1.500 euro senza rottamazione.

Nasce l’Osservatorio sugli stili di mobilità degli italiani, i dati: “Troppi spostamenti con mezzi privati e pochi con il Tpl”

Inoltre 20 milioni sono destinati per l’acquisto di veicoli commerciali e speciali, di cui 15 milioni esclusivamente per i veicoli elettrici. Il contributo è riconosciuto fino a un massimo di 8.000 euro e si differenzia in base alla ‘Massa Totale a Terra – MTT’ e all’alimentazione. In più 10 milioni sono per acquistare, esclusivamente con rottamazione, i veicoli con emissioni comprese tra 61-135 g/km CO2. E’ riconosciuto un contributo di 1.500 euro; 5 milioni per l’acquisto di veicoli di categoria M1 usati, di classe Euro non inferiore a 6 ed emissioni fino a 160 g/km di CO2. E’ riconosciuto un contributo fino 2.000 euro, calcolato in base alla fascia di emissione. Per usufruire del contributo è necessario rottamare una vettura immatricolata prima del gennaio 2011, o che abbia raggiunto i dieci anni nel periodo in cui viene richiesto l’ecobonus.

 

(Visited 44 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago