TG AmbienteVideo

Eco-design, al via il nuovo bando Conai

Condividi

Eco-design. In questo edizione del Tg Ambiente realizzato in collaborazione con Italpress: 1)Eco-design, al via il nuovo bando Conai; 2) Corepla, anche quest’anno Festival di Sanremo diventa green; 3) Corrente del Golfo, indebolimento senza precedenti; 4)Antartide, un enorme iceberg si spezza in due.

In questo edizione del Tg Ambiente realizzato in collaborazione con Italpress:

1) Eco-design, al via il nuovo bando Conai. Un nuovo invito alla sostenibilità: l’ottava edizione del Bando Conai per l’eco-design degli imballaggi nell’economia circolare si è aperta il 3 marzo, Giornata mondiale della natura selvatica. Per il Consorzio Nazionale Imballaggi la difesa dell’ambiente passa anche dalla prevenzione e produrre packaging con impatti sempre più bassi è una delle strade verso il rispetto delle risorse naturali del nostro pianeta. Il Bando è aperto a tutte le aziende consorziate che hanno rivisto i propri imballaggi con interventi di eco-design. In palio, anche quest’anno, ci sono 500.000 euro: 450.000 saranno suddivisi fra tutti i casi premiati sulla base di una graduatoria, 50.000 euro saranno invece destinati a cinque super premi per l’innovazione circolare da 10.000 euro.

Anche quest’anno il Festival di Sanremo diventa green grazie a Corepla

2) Corepla, anche quest’anno Festival di Sanremo diventa green. Il 71° Festival di Sanremo si è svolto in una versione inedita a causa del Covid, che ha imposto tante restrizioni, ma non la rinuncia al sodalizio iniziato già nel 2020 con Corepla. E così anche quest’anno il Consorzio Nazionale per la Raccolta, il Riciclo e il Recupero degli imballaggi in plastica ha dato un tocco di green alle note del Festival, per sensibilizzazione il grande pubblico sull’importanza di salvaguardare il territorio. Tre le iniziative messe in campo da Corepla uno spot radio che ha accompagnato l’intera gara canora; una campagna video dal titolo “cambia musica, non cambiare le buone abitudini” e il primo “Corepla Song Award”, per l’elezione della canzone che nella storia della musica italiana ha meglio rappresentato il tema della sostenibilità.

Corrente del Golfo, indebolimento senza precedenti: anche l’Italia rischia fenomeni climatici estremi

3) Corrente del Golfo, indebolimento senza precedenti. A causa del riscaldamento globale, l’importantissimo sistema di circolazione oceanico che regola il clima di Europa e Nord America sta rallentando. Lo dimostra il nuovo studio pubblicato su Nature condotto da un team di scienziati provenienti da Irlanda, Gran Bretagna e Germania che sono riusciti a ricostruire la cronologia del flusso della corrente oceanica dell’Oceano Atlantico (il cosiddetto AMOC) degli ultimi 1600 anni. Gli scienziati affermano che un ulteriore indebolimento dell’AMOC potrebbe provocare un numero maggiore di tempeste che colpiscono il Regno Unito, inverni più intensi e un aumento delle dannose ondate di calore e di siccità in tutta Europa.

Antartide, un enorme iceberg si spezza in due (è grande quanto Roma) VIDEO

4) Antartide, un enorme iceberg si spezza in due. Un iceberg della misura di 1.270 chilometri quadrati (490 miglia quadrate) si è staccato dalla piattaforma glaciale artica di Brunt spessa 150 metri. Gli scienziati si aspettavano che un enorme pezzo di ghiaccio si staccasse dopo un decennio dalle prime “vaste crepe” che si erano formate. Gli eventi che hanno portato alla grande scissione hanno iniziato ad accelerare nel novembre dello scorso anno – ha affermato il British Antarctic Survey. Per questo, quattro anni fa la stazione di ricerca britannica Halley VI è stata spostata nell’entroterra per motivi di sicurezza.  La stazione, che monitora quotidianamente lo stato della vasta piattaforma di ghiaccio galleggiante, si trova a circa 20 chilometri da dove si è rotto l’iceberg.

 

 

(Visited 28 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago