Scienza e Tecnologia

“Eau de Space”, il profumo che sa di spazio profondo

Condividi

Il profumo Eau de Space promette di far sentire l’odore dello spazio a tutti, anche a chi non può permettersi un viaggio oltre atmosfera.

“… Una sensazione metallica piuttosto piacevole … [come] … fumi di saldatura profumati, metallo che brucia, un odore distinto di ozono, un odore acre, noci e pastiglie dei freni, polvere da sparo, frutta, rum e persino biscotti alle mandorle bruciati.”

Decenni fa, la NASA chiese agli specialisti di sviluppare l’ “odore dello spazio” per aiutare a preparare gli astronauti all’esperienza dello spazio.

Ora, un profumo, Eau de Space, ha attirato acquirenti desiderosi che stanno finanziando la campagna  Kickstarter, che ha raccolto $ 516.000 in preordini.

La storia dell ‘ “odore dello spazio” è stata raccontata in varie versioni. Sin dalla prima passeggiata nello spazio, gli astronauti sono rimasti scioccati dall’odore persistente al momento del ritorno nel veicolo spaziale ”, secondo la campagna su Kickstarter.

Greencube, il primo micro-orto per coltivare verdure nello spazio

L’astronauta della NASA Col. Chris Hadfield ha dichiarato: “L’unica volta in cui puoi sentire l’odore dello spazio è quando torni da una passeggiata nello spazio. Quando apri il portello, c’è un odore distintivo. ”

Alcuni lo descrivono come rum, frutta, bistecca scottata o barbecue. I primi turisti spaziali hanno anche notato un aroma pungente una volta aperto il portello, “come i biscotti bruciati”.

Gene Cernan, l’astronauta dell’Apollo 17, ha osservato un altro profumo che ha sperimentato: “La luna odora di polvere da sparo esaurita”.

Sebbene non sia affiliato alla NASA, ogni bottiglia da $ 29 acquistata da Eau de Space aiuterà anche a supportare i programmi STEM per gli studenti, attraverso un programma buy-one-give-one.

Scienza, analizzati i primi biscotti al cioccolato cotti nello spazio

“Per ogni bottiglia di Eau de Space che acquisti, ne doneremo una a un programma K-12 di scienza, tecnologia, ingegneria, matematica (STEM)” per studenti a basso reddito.

(Visited 36 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago