ClimaScienza e Tecnologia

Earth Speakr, l’app per dare voce alle future generazioni che erediteranno il nostro pianeta

Condividi

Una nuova e divertente app, ideata dall’artista danese-islandese Olafur Eliasson, invita i bambini di tutto il mondo a condividere le loro idee sul futuro del nostro pianeta. L’applicazione è stata pensata per i bambini ma coinvolge anche gli adulti, che hanno il dovere di ascoltare la voce delle nuove generazioni.

Earth Speakr è stata creata dall’artista danese-islandese Olafur Eliasson per coinvolgere la futura generazione nella discussione sul tema ambientale. “Si tratta di dare al pianeta una voce attraverso coloro che lo erediteranno. Le persone che rimarranno più a lungo sul pianeta sono i bambini”, afferma.

AWorld, entra in azione per la salvaguardia del pianeta! Ecco l’app che ti aiuta a farlo

L’applicazione dà la possibilità alle opinioni dei bambini sul futuro benessere del pianeta di essere condivise ed ascoltate anche dai grandi. Eliasson crede che per i bambini questa possa essere una sorta di nuova forma d’arte, che gli permetterà di elaborare e condividere i loro pensieri, visioni, preoccupazioni e le loro speranze.

Cambiamenti climatici, arriva in Italia il primo podcast per bambini dedicato all’ambiente

L’app consente ai bambini di animare il loro ambiente. Parlando come se fossero un albero o una roccia, possono registrare i loro messaggi ed inviarli rendendoli disponibili e visibili su una mappa interattiva per chiunque sia interessato al tema. L’idea di Eliasson non era solo quella di dare la parola ai bambini, ma anche di invitare gli adulti e i leader mondiali di oggi a sedersi e ad ascoltare la voce delle nuove generazioni.

Di Sara Fracassi

(Visited 41 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago