Animali

Dumba, la storia dell’elefantessa abbondonata in una discarica del Gard VIDEO

Condividi

La drammatica vicenda dell’elefantessa Dumba ha fatto il giro del web dal momento del suo ritrovamento in una discarica nel sud della Francia, indignando tutto il mondo. Ferita ed abbandonata in una roulotte di un camion, l’animale è stato ritrovato da un volontario dell’associazione One Voice il primo gennaio.

L’elefantessa, ferita alla testa e alle gambe, è stata ritrovata da un volontario di One Voice il primo gennaio in una discarica a Euzet, ad est di Alès, rinchiusa nella roulotte di un camion dove aveva solo pochi metri quadrati di spazio per muoversi. È stata una chiamata che ha allertato gli animalisti, avvertendoli della presenza di un pachiderma rinchiuso in un rimorchio nella campagna di Gard.

Elefanti, le immagini strazianti di un branco che cerca il cibo in una discarica

L’associazione animalista ha trovato Dumba nascosta sotto un tendone in evidente stato di difficoltà: non riusciva a muoversi e si contorceva dai dolori per le varie ferite riportate su entrambi i lati della testa. Gli attivisti, che erano in cerca di un elefante già mesi fa e di cui avevano perso le tracce, hanno poi scoperto che l’animale in questione era proprio Dumba, utilizzata per spettacoli circensi da un allevatore proveniente dalla Spagna che da tempo si nascondeva per sfuggire ad azioni legali.

Botswana, scoperta la causa delle misteriose morti di centinaia di elefanti

One Voice ha sporto denuncia per maltrattamenti e mancanza di cure e ha lanciato una petizione per promuovere il divieto di circhi con animali. Dumba, nata libera 43 anni fa, è stata dapprima catturata, fatta prigioniera, torturata ed infine abbandonata. Per questo, a seguito della denuncia, è stata aperta un’indagine giudiziaria che si svolgerà il più rapidamente possibile anche grazie alla collaborazione del Ministero dell’Ecologia. Ora Dumba è in attesa di un Santuario dove potrà essere curata e finalmente abituarsi alla libertà.

Di Sara Fracassi

(Visited 22 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago