Animali

Due femmine di pinguino antartico diventano mamme e adottano un cucciolo VIDEO

Condividi

È nato il pulcino adottato dai due pinguini femmina.  Questa volta è successo all’acquario di Valencia in Spagna. 

Electra e Viola sono due femmine di pinguino e sono diventate mamme insieme. Sono una coppia e vivono all’acquario Oceanogràfic di Valencia, in Spagna. La coppia dello stesso sesso ha accolto un uovo, se ne è presa cura fino alla nascita del piccolo che ora sta crescendo.

Antartide, undici nuove colonie di pinguini scoperte grazie ai satelliti

Prima dei due pinguini spagnoli, ci sono almeno due casi documentati di coppie di pinguini dello stesso sesso che hanno cresciuto un piccolo dopo aver adottato un uovo in Australia e in Germania.

Da qualche tempo, infatti, gli addetti dell’acquario avevano notato un cambiamento nel comportamento di Viola ed Electra, pronte a costruire un nido con alcune rocce recuperate dal loro recinto. I pinguini avevano così espresso il loro desiderio di maternità e lo staff del centro ha deciso di accontentare la coppia, offrendo loro un uovo fertilizzato. Lo stesso acquario ha spiegato come siano moltissime le coppie omosessuali nel regno animale e, in particolare, come i pinguini siano in grado di sviluppare delle vere e proprie identità “genderless”: “Sebbene le coppie omosessuali siano comuni in più di 450 specie, questa è la prima famiglia gay dell’acquario. L’omosessualità è decisamente comune fra i pinguini, ma ciò che rende questa coppia degna di nota è la possibilità di covare un uovo. È completamente naturale per i pinguini sviluppare delle identità genderless“.

Animali, i pinguini parlano come gli uomini: il loro canto usa regole del linguaggio umano

(Visited 90 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago