AttualitàPolitica

Draghi, il neo Governo giura al Quirinale

Condividi

Governo Draghi. Con il giuramento al Quirinale, tenutosi oggi a mezzogiorno, il governo Draghi inizia il suo cammino.  Mercoledì 17 febbraio si terrà invece il voto di fiducia alle Camere.

A causa della pandemia, per garantire il distanziamento sociale, la cerimonia del giuramento è stata divisa tra due sale.

Nel salone delle Feste il giuramento vero e proprio, senza strette di mano e senza la presenza di parenti e giornalisti, poco distante – nel salone dei Corazzieri, la foto del Presidente Sergio Mattarella, del premier Mario Draghi e dei ministri eseguita solo da un pool di fotografi sorteggiati e dai fotografi ufficiali della presidenza della Repubblica.

Inoltre, per ridurre il rischio di contagi, la squadra del neopremier ha firmato usando ciascuno una penna diversa.

Subito dopo aver giurato, i neo ministri si sono riuniti a Palazzo Chigi per il passaggio della campanella con il suo predecessore, Giuseppe Conte e subito dopo il primo Consiglio dei ministri.

Del nuovo esecutivo fanno parte 23 ministri, 15 politici (4 M5s, 3 ciascuno per Pd, Fi e Lega, uno per Leu e Iv) e 8 tecnici.

Del neo Esecutivo fanno parte sette nomi del governo Conte, tra cui il ministro della Sanità Speranza, quello dell’Interno Lamorgese e quello degli Esteri Di Maio, che restano confermati al loro posto.

Un terzo le donne.

Chi è Roberto Cingolani, il Ministro della Transizione ecologica scelto da Mario Draghi

La squadra di Governo:

  • Roberto Garofoli, Segretario del Consiglio dei Ministri – tecnico: Taranto, 20 aprile 1966 È un magistrato giudice del Consiglio di Stato e ha ricoperto diversi incarichi istituzionali. È stato Capo dell’ufficio legislativo del MAE, durante il governo Prodi II. Capo di Gabinetto del Ministero per la semplificazione nel Governo Monti, è stato nominato Segretario generale della Presidenza del Consiglio durante il Governo Letta, per diventare Capo di Gabinetto al Mef durante i governi Renzi, Gentiloni e Conte I.

 

  • Dario Franceschini, Ministro della Cultura – PD: Ferrara, 19 ottobre 1958 Fonda il Partito democratico nell’ottobre del 2007. È stato Ministro per i Rapporti con il Parlamento e il coordinamento dell’attività di governo nel governo Letta. Dal febbraio 2014 al giugno 2018 è stato Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del turismo, prima nei governi Renzi e Gentiloni e poi nel governo Conte II. È stato vicesegretario e segretario nazionale del Partito Democratico.

 

  • Andrea Orlando, Ministro del Lavoro – PD: La Spezia, 8 febbraio 1969 Precedentemente nell’Ulivo, dall’aprile del 2007 aderisce al PD. Dal 2006 è membro della Camera dei deputati. Ha rivestito le cariche di Ministro dell’Ambiente dall’aprile 2013 al febbraio 2014 nel governo Letta, e di Ministro della Giustizia dal febbraio 2014 al giugno 2018 nei governi Renzi e Gentiloni. È vicesegretario del Partito Democratico.

 

  • Marta Cartabia, Ministra della Giustizia – tecnico: San Giorgio su Legnano (MI) il 14 maggio 1963 Nel settembre 2011 è stata nominata giudice della Corte Costituzionale. Nel dicembre 2019 è stata eletta Presidente della Corte Costituzionale. Dal settembre 2020, cessato l’incarico alla Corte Costituzionale, è docente ordinario di Diritto Costituzionale e di Giustizia Costituzionale presso l’Università Bocconi di Milano.

 

  • Luciana Lamorgese, Ministra dell’interno – tecnico: Potenza, 11 settembre 1953 È stata prefetto di Venezia dal dicembre 2009 al giugno 2013. Da luglio 2013 a febbraio 2017 è stata Capo di Gabinetto del Ministero dell’Interno. Da febbraio 2017 a ottobre 2018 è stata Prefetto di Milano. Nel novembre 2018 viene nominata consigliere di Stato dal premier Giuseppe Conte. È stata Ministro dell’Interno nel Governo Conte II.

Sergio Costa lascia il Minsitero dell’Ambiente: “i giovani sono fondamentali”

  • Vittorio Colao, Ministro della Transizione digitale – tecnico: Brescia, 3 ottobre 1961 Nel luglio 2008 è stato nominato AD di Vodafone. Nel 2015 è stato nominato amministratore non esecutivo di Unilever. Dal 2019 fa parte del comitato direttivo della società di telefonia wireless Verizon. Nell’aprile 2020 è stato designato dal governo italiano per guidare la task force della “Fase 2” per la ricostruzione economica del Paese dopo la pandemia di COVID-19.

 

  • Roberto Speranza, Ministro della Salute – LeU: Potenza, 4 gennaio 1979 Alle Politiche 2013 viene eletto alla Camera per il PD diventandone Capogruppo. Nel febbraio 2017 abbandona il PD e fonda Art.1 – MDP, di cui diviene segretario nell’aprile 2019. Viene rieletto alle elezioni politiche del 2018 con Liberi e Uguali. È stato Ministro della salute nel Governo uscente.

 

  • Luigi di Maio, Ministro Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale – M5S: Avellino, 6 luglio 1986 Nel 2007, apre il meetup di Pomigliano d’Arco. Viene eletto nel 2013 nella lista del M5S e ricopre il ruolo di vicepresidente della Camera dei deputati fino al 2018. È stato ministro dello sviluppo economico e ministro del lavoro, nonché Vicepresidente del Consiglio dei ministri nel Governo Conte I. Ha ricoperto la carica di capo politico del Movimento 5 Stelle dal 2017 al 2020. Dal 2019 è Ministro degli affari esteri nel Governo Conte II.

 

  • Giancarlo Giorgetti, Ministro dello Sviluppo economico – Lega: Cazzago Brabbia (VA), 16 dicembre 1966 Eletto deputato con la Lega Nord dal 1996. Dal 2001 al 2006 è stato Presidente della Commissione Bilancio. Dal 2006 al 2008, è stato Vicepresidente della Commissione Esteri. Nel 2008 torna a presiedere la Commissione Bilancio. Più volte Capogruppo alla Camera, è sottosegretario alla Presidenza del consiglio nel Governo Conte I (2018-2019). Attualmente è vicesegretario federale della Lega.

 

  • Roberto Cingolani, Ministro della Transizione ecologica – tecnico: Milano, 23 dicembre 1961 Nel 2005 fonda l’Istituto Italiano di Tecnologia (IIT) di Genova di cui sarà Direttore Scientifico fino alla sua nomina come Chief Technology & Innovation Officer di Leonardo nel 2019. È detentore di oltre 100 brevetti. È stato insignito dei titoli di Alfiere del Lavoro nel 1981 e di Commendatore della Repubblica Italiana nel 2006.

 

  • Federico D’Inca, Ministro per i Rapporti con il Parlamento – M5S: Belluno, 10 febbraio 1976 Laureato in economia e commercio, ha aderito ai primi meetup del M5S diventando promotore delle liste a Belluno e Feltre nel 2012. Alle Politiche del 2013 viene eletto deputato nelle liste del M5S. Nel 2015 diventa capogruppo del M5S alla Camera. È stato rieletto deputato nel 2018 e nel medesimo anno è stato nominato Questore della Camera dei deputati. È stato Ministro per i Rapporti con il Parlamento del Governo Conte II.

 

  • Lorenzo Guerini, Ministro della difesa – PD: Lodi, 21 novembre 1966 Dirigente nazionale della Margherita, dal 2007 entra a far parte del PD. È stato presidente della Provincia di Lodi dal 1995 al 2004 e sindaco di Lodi dal 2005 al 2012 per una coalizione di centrosinistra. Eletto deputato nella XVII e XVIII legislatura, ha ricoperto gli incarichi di portavoce, vicesegretario e coordinatore del PD. È stato Ministro della Difesa nel Governo Conte II.

 

  • Renato Brunetta, Ministro per la Pubblica Amministrazione – FI: Venezia, 26 maggio 1950 È membro della prima ora di Forza Italia, deputato al Parlamento europeo dal 1999 al 2008, quando diventa Ministro della Pubblica Amministrazione nel Governo Berlusconi IV. Capogruppo alla Camera del PdL dal 2013 al 2018, aderisce di nuovo a FI quando viene riformata nel 2014. Eletto nuovamente deputato nel 2018, è attualmente componente membro della Commissione Agricoltura.

 

  • Maria Stella Gelmini, Ministro per gli Affari generali e le Autonomie – FI: Leno (BS), 1º luglio 1973 Dal 1998 è iscritta a Forza Italia. Nell’aprile del 2005 entra a far parte del Consiglio regionale lombardo. Sempre nello stesso anno, è nominata coordinatrice regionale di Forza Italia. Nel 2006 viene eletta alla Camera, per poi essere riconfermata con il PDL nel 2008 quando è nominata Ministro dell’Istruzione nel Berlusconi IV. Eletta nel 2013 e nel 2018 alla Camera, nell’attuale legislatura è capogruppo di FI.

 

  • Mara Carfagna, Ministro per il Sud e la Coesione territoriale – FI: Salerno, 18 dicembre 1975 Nel 2004 è coordinatrice del movimento femminile di FI in Campania. Alle Politiche del 2006 è eletta alla Camera per FI. Rieletta nel 2008 con il PdL, è stata Ministro per le pari opportunità nel Governo Berlusconi IV. Nelle elezioni amministrative del 2010 è eletta Consigliere regionale in Campania. Rieletta nel 2013, viene riconfermata nel 2018 diventando anche Vicepresidente della Camera. Nel dicembre 2019 fonda l’associazione politica Voce Libera.

 

  • Enrico Giovannini, Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti – tecnico: Roma, 6 giugno 1957 È stato Chief Statistician dell’OCSE dal 2001 al 2009. È stato presidente dell’Istat dall’agosto 2009 all’aprile 2013. Dall’aprile dello stesso anno al febbraio 2014 è stato Ministro del Lavoro del governo Letta È co-fondatore e Portavoce dell’Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile (ASviS). È Professore ordinario all’Università di Roma Tor Vergata.

 

  • Fabiana Dadone, Ministro per le politiche giovanili – M5S: Cuneo, 12 febbraio 1984 Nel 2012 vince le elezioni parlamentarie interne del M5S, venendo poi candidata ed eletta deputato nelle elezioni politiche del 2013. Dopo essere stata capogruppo in Commissione Affari Costituzionali, nel 2014 viene eletta capogruppo del M5S alla Camera. Alle elezioni politiche del 2018 viene rieletta deputato. Dal 2019 è stata Ministro per la pubblica amministrazione del Governo uscente.

 

  • Erica Stefani, Disabilità – Lega: Valdagno (VI), 18 luglio 1971 Entra in politica alle Amministrative del 1999, quando viene eletta Consigliere Comunale di Trissino (VI) in una lista indipendente. Nel 2009 è stata rieletta Consigliere Comunale nel comune di Trissino con la Lega Nord per il quale ricopre anche il ruolo di vicesindaco. Alle Politiche del 2013 è stata eletta Senatrice per la Lega Nord. Nel 2018 è stata rieletta Senatrice. Dal giugno 2018 al settembre 2019 è stata Ministro degli affari regionali e delle autonomie nel Governo Conte I.

 

  • Elena Bonetti, Ministro per le pari opportunità – IV: Asola (MN), 12 aprile 1974 Nel 1997 si laurea in matematica a Pavia. Consegue il dottorando nel 2002 alla Statale di Milano. Dapprima ricercatrice a Pavia, dal 2016 è associato di analisi matematica presso la Statale di Milano. Proveniente dal mondo scout, è iscritta al PD dal 2017. Nel 2019 entra a far parte della direzione nazionale del PD. Vicina a Matteo Renzi, è stata ministro per le pari opportunità e la famiglia nel Conte II.

Draghi, l’ambiente al centro: l’incontro con le associazioni Legambiente, Wwf e Greenpeace

  • Massimo Garavaglia, Turismo – Lega: Cuggiorno (MI), 8 aprile 1968 Dal 1999 al 2009 è stato sindaco di Marcallo con Casone (MI) con la Lega Nord. Alle Politiche del 2006 è stato eletto deputato nelle liste della Lega Nord. Alle Politiche del 2008 viene confermato. Alle Politiche del 2013 è nuovamente eletto al Senato. Nel marzo 2013 è stato nominato Assessore all’Economia della Regione Lombardia. Alle Politiche del 2018 viene rieletto deputato e nel giugno dello stesso anno diventa Viceministro dell’Economia nel Governo Conte I.

 

  • Cristina Messa, Ministero dell’Università e della Ricerca – tecnico: Monza, 8 ottobre 1961 Laureata in medicina, ha svolto diversi periodi di studio negli Stati Uniti e in Inghilterra. Dopo un’esperienza di ricerca presso il San Raffaele di Milano, diventa professoressa associata all’Università di Milano-Bicocca nel 2001 e ordinaria nel 2013. Dal 2012 al 2013 è stata direttrice del Dipartimento di Scienze della Salute dell’Università di Milano-Bicocca. Dal 2013 al 2019 è stata rettore dell’Università di Milano-Bicocca. Dal 2013 è delegata italiana MIUR nel programma Horizon 2020.

 

  • Daniele Franco, Ministero dell’Economia e delle Finanze – tecnico: Trichiana (BL), 7 giugno 1953 Laureato in Scienze Politiche a Padova, consegue il Master of Science in economia presso l’Università di York in Gran Bretagna. Entra in Banca d’Italia nel 1979 ed è stato membro di diversi gruppi di lavoro ministeriali. Dal 2013 al 2019 è Ragioniere generale dello Stato. Nel 2020 diventa Direttore Generale di Banca d’Italia e Presidente dell’Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni (IVASS).

 

  • Stefano Patuanelli, Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali – M5S: Trieste, 8 giugno 1974 Laureato in Ingegneria edile a Trieste, nel 2005 inizia il suo attivismo nei primi gruppi vicini a Beppe Grillo. Dal 2011 al 2016 è stato consigliere comunale a Trieste. Alle elezioni politiche del 2018 è eletto senatore e diventa poi capogruppo al Senato per il Movimento 5 Stelle. È stato Ministro dello Sviluppo Economico nel Governo Conte II.

 

  • Patrizio Bianchi, Ministero dell’Istruzione – tecnico: Copparo (FE), 28 maggio 1952 È stato Rettore dell’Università di Ferrara dal 2004 al 2010 e assessore alla Scuola della Regione Emilia-Romagna (2010-2020) nelle giunte Errani II e Bonaccini I. Nel 2020 è stato chiamato a guidare la task force del Ministero dell’Istruzione per dettare tempi e modi della ripartenza delle scuole dopo la pandemia. È professore ordinario di Economia applicata all’Università di Bologna.
(Visited 46 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago