AttualitàInquinamento

Napoli, scatta il divieto di balneazione durante il G20 Ambiente

Condividi

Divieto di balneazione sul lungomare cittadino nel tratto da Largo Nazario Sauro fino a Marechiaro. Dopo i campionamenti in mare dell’ARPAC, il Comune di Napoli ha annunciato la pubblicazione di un’ordinanza temporanea, che dovrebbe scattare nelle prossime ore, per vietare la balneazione sul lungomare.

Ad inizio settimana infatti, il servizio ARPAC ha provveduto ad effettuare dei campionamenti del mare del litorale napoletano a seguito delle abbondanti precipitazioni temporalesche che hanno interessato la città e la sua provincia, rilevando la presenza di inquinanti che ne impediscono la balneazione.

G20 Ambiente, raggiunto un accordo ma mancano i 2 punti chiave sul Clima

La notizia arriva proprio durante la conclusione del vertice del G20 su clima e inquinamento mondiale.

“I funzionari dell’Arpac  – ha spiegato l’assessore Francesco Mennahanno assicurato che, quanto prima possibile, verranno eseguiti ulteriori campionamenti per fare in modo di verificare al più presto il superamento della criticità» dichiara l’assessora Menna, intanto è possibile l’elioterapia e quindi l’accesso alla spiaggia ma non la balneazione”.

Taranto, il piccolo Lorenzo morto di tumore a 5 anni. La famiglia chiede 25 milioni di risarcimento all’ex Ilva

Aspettiamo – prosegue – con fiducia i risultati del prossimo campionamento che consentano la revoca dell’ordinanza in atto. Anche questo fenomeno che ha riguardato la città e la costiera dei paesi limitrofi, ci fa capire l’impatto che ha nella nostra vita quotidiana il cambiamento climatico”.

 

(Visited 36 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago