AttualitàInquinamento

Rientra l’allarme inquinamento a Mondello. Stop al divieto di balneazione

Condividi

Rientra l’allarme inquinamento a Mondello. L’Asp ha comunicato che i parametri sono tornati nella norma e questo ha portato il Comune di Palermo a revocare il divieto di balneazione nel tratto di mare che va dalla piazza di Valdesi fino agli scivoli a mare di via Colapesce, dove comincia il litorale dell’Addaura incluso “il litorale a est e ovest del Club di Lauria”.

Il divieto era scattato venerdì per la presenza di batteri fecali. 

Ad agevolare l’operazioni di disinquinamento sono state le correnti che hanno allontanato i colibatteri evidenziati dalle analisi dell’Asp.

Inquinamento, un parco giochi che purifica l’aria: il progetto Airbubble

I test dell’Asp sono stati ripetuti sia venerdì, dopo l’annuncio dei divieti e anche nella giornata di Sabato.

L’Asp ripeterà le analisi anche lunedì per avere ulteriori conferme, ma restano da chiarire le cause che hanno provocato l’inquinamento. Sia il Nopa che l’Amap non hanno individuato scarichi abusivi.

Da oggi si potrà quindi tornare a fare il bagno anche nei tratti di costa interdetti ai tuffi ovvero nella zona antistante Piazza Valdesi, a ovest e a est del Club Lauria e negli scivoli a mare di Via Colapesce.

(Visited 26 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago