Economia

DISNEY SFIDA NETFLIX. ARRIVA LA NUOVA PIATTAFORMA STREAMING

Condividi

Roma. Disney sempre più aggressiva. Dopo aver inglobato gran parte della 20th Century Fox che l’ha resa il colosso dell’intrattenimento, oggi la società di Topolino vuole conquistare il mondo streaming. E lo fa lanciando il guanto di sfida a Netflix, attuale re di film e serie tv sul web.

La Disney avrebbe deciso di ritirare dalla nota piattaforma i suoi film e di renderli disponibili su un proprio sito di streaming, Disney SVOD Service. Un progetto che sembrerebbe essere in cantiere e per il quale la multinazionale avrebbe assunto un ex dipendente della Apple e Samsung, Kevin Swint. Lo stesso si è occupato negli anni scorsi della gestione del business video di iTunes per Apple, poi delle piattaforme Milk Music e Milk Video per Samsung, e prima ancora è stato alla guida della divisione digital products and services di Walamart. A Swint spetterà la carica di Senior Vice President e General Manager della nuova piattaforma che dovrebbe fare il suo esordio trionfale nel 2019, come annunciato dal sito Vanity.

Per garantirsi un nuovo successo, la Disney ha acquistato una grossa porzione delle risoluzioni streaming della BAMTech. La multinazionale era già in possesso di una parte più piccola, mentre ora detiene la maggioranza.
A confermare l’avvio dei lavori, la rinuncia della Disney al rinnovo del contratto con Netflix. E proprio come Netflix, anche per accedere a Disney SVOD e al suo valigione di film e cartoni animati nuovi e storici, occorrerà pagare. E considerando la nuova coppia Disney-20th Century ci sono buone probabilità che sul nuovo sito streaming saranno disponibili anche tutti i film firmati Fox.

Per ora nessuna notizia certa ma solo supposizioni, almeno fino all’apertura ufficiale della piattaforma che si preannuncia però già un gran successo.

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago