InquinamentoRifiuti

Massafra, sequestrata maxi discarica abusiva: 24mila tonnellate di rifiuti in gravina

Condividi

Discarica. Militari della Guardia di finanza hanno sequestrato a Massafra una discarica abusiva in cui hanno trovato 24mila tonnellate di rifiuti.

La discarica era stata realizzata in una gravina da una ditta che lavora il marmo e la pietra in una zona adiacente.

Nella discarica, che si trova in un’area sottoposta a vincolo paesaggistico e idrogeologico, la ditta sversava gli scarti
della lavorazione del marmo e i fanghi reflui derivanti dalla perforazione delle pietre, utilizzando un’apertura a forma di
botola appositamente ricavata in una parete della gravina.

Inquinamento mari, meduse e rifiuti rappresentate in un unico scatto

“Il PO d’Amare”, a Parma terza tappa della barriera acchiappa rifiuti

I militari hanno scoperto che nella gravina c’erano rifiuti di ogni genere, tra cui materiali plastici, metallici, legno e materiale di risulta.

Discarica Valle Galeria, protesta in Campidoglio. Raggi va sotto in Assemblea

Roma, scoperti rifiuti tossici nel Tevere: denunciate 7 persone

Sia l’area che le attrezzature aziendali sono stati sequestrate, mentre il rappresentante della società è stato
denunziato per attività di gestione rifiuti non autorizzata ed inquinamento ambientale.

(Visited 51 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago