Roma

DISABILITY PRIDE, 15 LUGLIO ROMA. IN PIAZZA PER RIVENDICARE PARI OPPORTUNITA’

Condividi

Disability Pride Roma. Si terrà il prossimo 15 luglio, il primo Disability Pride di Roma.

La giornata nazionale delle persone con disabilità, giunta alla sua quarta edizione, ha l’obiettivo di “rivendicare con orgoglio il diritto di avere le stesse opportunità dei normodotati”.

La manifestazione, che negli scorsi anni si è tenuta in Sicilia e in Campania ma in edizioni ridotte, sfilerà per le strade della Capitale con un corteo che partirà da piazza Venezia ed arriverà a piazza del Popolo.

La manifestazione, organizzata dalla Disability Pride Onlus in collaborazione la fondazione Anmil “sosteniamoli subito”, ha il patrocinio del Comune di Roma, del Parlamento Europeo, dell’Anci e dell’Ambasciata Britannica.

Appuntamento in piazza Madonna di Loreto (vicino piazza Venezia) alle 17.30.

Da qui, si sfilerà lungo via del Corso fino a Piazza del Popolo dove poi, dal palco, si alterneranno le performance degli artisti.
Qui, è attesa la sindaca di Roma Virginia Raggi, mentre il ministro per la famiglia e disabilità Lorenzo Fontana, che è stato inviato, non potrà essere presente.

“Le persone con disabilità devono avere la priorità nei servizi anagrafici municipali. Non c’è una normativa nazionale che lo prevede” ma “noi abbiamo deciso che le persone con disabilità avranno priorità anche per le famigerate carte di identità elettroniche, le avranno a vista” – ha annunciato la Sindaca di Roma, Virginia Raggi, durante la presentazione della manifestazione, spiegando che il Comune ha già avviato “una mappatura vera delle barriere architettoniche in città e creato una task force con la polizia locale che per 90 giorni è andata a sanzionare le soste sui parcheggi e sulle rampe per i disabili”.

“In 90 giorni – ha sottolineato la Raggi – ci sono state già mille sanzioni. E questo da’ una fotografia della nostra città un po’ incivile…”.
“Roma perde quasi mezzo milione di euro all’anno per uso fraudolento di contrassegni disabili sulle strisce blu” – ha spiegato il Disability Manager del Comune di Roma, AndreaVenuto.

Roma ancora non è accessibile a tutti – ha ammesso infine la Raggi – è inutile prenderci in giro, ma è importante tracciare un punto di partenza”.

(Visited 149 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago