PoliticaRomaVideo

Roma Ecologista, Di Battista firma la lista ecodigital a sostegno di Virginia Raggi

Condividi

Continua la raccolta firme per la lista Roma Ecologista. Questa mattina a Largo Torre Argentina anche Alessandro Di Battista, ex deputato M5S,  per firmare la lista ambientalista a sostegno di Virginia Raggi: “Da romano sono ampiamente soddisfatto del suo lavoro e mi auguro possa avere un’altra chance”.

La raccolta firma sta andando molte bene, ci stanno facendo tante domande e stiamo raccogliendo anche le lamentele perché abbiamo l’intenzione di aiutare e migliorare”. Lapo Sermonti, tra i capilista di “Roma Ecologista, commenta le giornate di raccolta firme a sostegno della lista ecodigital che ha come obiettivo quello di coniugare il concetto di sostenibilità con quello di innovazione, step necessari per indirizzare Roma verso una transizione ecologica ed energetica.

Roma Ecologista, ultima chiamata per candidarsi nelle liste dei municipi. L’appello di Sermonti

A sostenere la lista anche Alessandro Di Battista, ex deputato M5S, che ha dichiarato a TeleAmbiente: “Oggi sono qui a firmare per questa lista ambientalista a sostegno di Virginia Raggi. Valuterò nelle prossime settimane chi votare ma sicuramente sarà a sostegno della Raggi perché da romano sono ampiamente soddisfatto del suo lavoro e mi auguro possa avere un’altra chance per continuare a proseguire una lotta che a Roma necessita più di 5 anni” .

Insieme a Lapo Sermonti, esperto di protezione ambientale del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD), Di Battista ha lanciato l’idea del servizio civile ambientale, per il quale è stato da poco firmato il protocollo d’intesa tra i Ministeri della Transizione ecologica e delle Politiche giovanili e stanziati 20 milioni per il biennio 2021-2022: “Per me Lapo Sermonti è una garanzia di un amore per l’ambiente che oggi vuol dire amare di più la vita”, afferma Di Battista.

Servizio civile ambientale, l’intesa MiTe-Politiche giovanili: stanziati 20 milioni in un biennio

Avere il supporto di Di Battista in questa lista è fondamentale. E’ stata la persona che in primis mi ha chiesto di aiutarlo con la sua agenda politica e a strutturare e mettere insieme le proposte e azioni ambientaliste contenute all’interno del  servizio civile ambientale”, commenta Lapo Sermonti.

“Io sostengo la lista Roma Ecologista perché penso che a Roma serva questa lista ecodigital e un rafforzamento di ecologisti, giovani e innovatori nel consiglio comunale.  – commenta Alfonso Pecoraro Scanio, presidente Fondazione Univerde, presente per dare il suo supporto alla raccolta firme –  Avere il sostegno anche di Alessandro Di Battista mi sembra un buon segnale, dobbiamo essere tanti sostenitori. Non siamo candidati, come anche Angelo Consoli, direttore dell’Ufficio Europeo di Jeremy Rifkin, inventore del Green New Deal, ma sosteniamo questa lista di giovani che possono fare la differenza e di persona di grande autorevolezza come Alessandro Bianchi, Lapo Sermonti e Francesco Mezzatesta”.

Roma Ecologista, Consoli garante della lista a sostegno della Raggi: “Si ispira al Green Deal”

A sostenere l’iniziativa della lista ecodigital anche la catena Rosso Pomodoro, omaggiandola con una pizza “Roma Eco” realizzata da pizzaioli napoletani riconosciuti come patrimonio culturale dell’umanità.

La lista ecodigital “Roma Ecologista” è formata da molti giovani under 35. Tra questi Luca Franceschetti, già portavoce dei Fridays for Future; Anouar Jamail, 21 anni, Digital Expert, che ha collaborato alla realizzazione del sito del Ministero dell’Istruzione; Valeria Zazzaretta, 30 anni, attrice, Content Creator, vincitrice del contest “Bellezze di Roma”; Andrea Batticani, fondatore del primo acceleratore di start up green in Italia.

Elezioni, presentata la lista Roma Ecologista. Raggi: “La capitale leader della transizione ecologica e digitale”

(Visited 193 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago