baobab burkina faso desertificazione

L’anziano El Hadji Salifou Ouédraogo ha deciso di dedicare la propria vita alla lotta alla desertificazione. Nel Burkina Faso, dove risiede, ha piantato 3mila baobab

C’è un anziano uomo in Burkina Faso che ha deciso di dedicare la sua vita alla lotta ai cambiamenti climatici e alla desertificazione. Si chiama El Hadji Salifou Ouédraogo, ha 80 anni e negli ultimi 47 ha piantato oltre 3mila baobab.

La storia dell’uomo è stata raccontata in un reportage prodotto da Al Jazeera per il programma Africa Direct.

L’uomo che pianta baobab contro il cambiamento climatico

El Hadji Salifou Ouédraogo ha spiegato a Michel K. Zongo, regista del documentario di Al Jazeera, la sua storia. Di quando da bambino sognava di diventare uno studioso del Corano e di quando, da giovane adulto, si trovò a lavorare come piantatore di alberi di Mango.

Il passaggio dal mango ai baobab è avvenuto poco dopo. E il motivo è anche legato a ciò che sta accadendo nel suo Paese. Il Burkina Faso, infatti, è da anni alle prese con il fenomeno della desertificazione.

Il deserto, infatti, sta avanzando inesorabilmente tanto che i leader del Paese stanno cercando da anni dei metodi per rallentare o addirittura bloccare il processo.

L’anziano burkinabè protagonista del film di Al Jazeera ha trovato un modo. I Baobab, infatti – per dimensioni, longevità e caratteristiche – sono gli alberi perfetti per combattere l’avanzamento del deserto.

El Hadji Salifou Ouédraogo ha iniziato 47 anni fa senza sapere quando si sarebbe fermato. Per ora è arrivato a quota 3mila alberi piantati. Per il momento, ha detto, non ha intenzione di fermarsi. Quantomeno finché non si fermerà anche il deserto.

Articolo precedenteUn allevamento di maiali bolliva le carcasse morte per risparmiare sui costi di smaltimento
Articolo successivoBest practice, istituzioni, influencer, startup e azioni EcoDigital a confronto a Napoli